30 aprile 2014 | 17:08

Not a bully, la campagna di sensibilizzazione sui pitbull del fotografo Douglas Sonders

Il fotografo Douglas Sonders ha lanciato una campagna fotografica di sensibilizzazione sui pitbull alla quale ha partecipato anche Caesar Millan, l’esperto di cani meglio noto in Italia come ‘lo psicologo dei cani’ per via del programma televisivo ‘Dog Whisperer’ andato in onda su National Geographic Channel.

Not a bully (foto mashable.com)

Lo scopo della campagna, ‘Not a bully’ (‘Non un bullo’), è quello di mostrare la tenerezza e la simpatia di una razza che, per via del suo aspetto aggressivo, viene definita come pericolosa e che per lo stesso motivo i cani appartenenti a questa tipologia sono stati al centro di maltrattamenti e abusi.

Sonders è stato ispirato dal proprio cane, Emma, un pitbull che ha preso in affidamento da un canile e che nessuno ha voluto per via del suo aspetto aggressivo.

Fin dagli inizi la campagna ha ricevuto un grande sostegno e tanta popolarità, a tal punto da portare Sonders e Millan al programma televisivo ‘Love my pitbull’, in onda su National Geographic Wild, che si concentra su come aiutare le persone a cambiare lo stereotipo dei pitbull come cani aggressivi.

Douglas Sonders e Cesar Millan con Emma e Junior (foto mashable.com)

 

foto mashable.com