Su Bookabook Solovki vince la sfida: primo successo del crowdfunding del libro in Italia

Si è conclusa ieri con successo la campagna di Solovki, il romanzo di Claudio Giunta promosso da Bookabook, la prima piattaforma di crowdfunding del libro in Italia. Un caso letterario da annoverare tra i primi nella storia del crowdfunding editoriale: si tratta infatti del primo romanzo pubblicato in Italia grazie al sostegno di una comunità di lettori che hanno partecipato sulla rete a un grande e divertente gioco sociale.

Solovki, esordio narrativo dello scrittore e saggista Claudio Giunta, ha dimostrato che è possibile, oggi anche in Italia, realizzare un libro tramite il finanziamento collettivo con tutti i requisiti di un prodotto editoriale di qualità partendo dal basso. Più di 4.000 euro sono stati raccolti in 30 giorni. Ora i lettori partecipanti riceveranno l’ebook completo, le copie stampate in edizione limitata e altri premi, tutti personalizzati con la simpatica volpina mascotte di Bookabook.

“L’idea del lettore protagonista si concretizza con Bookabook, lo dimostrano l’entusiasmo e il successo di Solovki”, affermano con grande soddisfazione i promotori di Bookabook Emanuela Furiosi, Tomaso Greco, Claire Sabatié-Garat e Marco Vigevani. “Il prossimo traguardo da raggiungere sarà per Gli scaduti di Lidia Ravera, che ha già raccolto 2.409.00 euro in 21 giorni. Sarà una conferma importante dei cambiamenti in atto nel nostro panorama editoriale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs, la Procura apre un’inchiesta sulla sede del Corriere in via Solferino a Milano

Rcs, la Procura apre un’inchiesta sulla sede del Corriere in via Solferino a Milano

Attenzione agli imprenditori arrabbiati di Delzio

Attenzione agli imprenditori arrabbiati di Delzio

Prosegue lo scontro su Radio Radicale. Blog delle Stelle: soldi pubblici a Radio Soros. Lega: presidio di libertà da difendere

Prosegue lo scontro su Radio Radicale. Blog delle Stelle: soldi pubblici a Radio Soros. Lega: presidio di libertà da difendere