Editoria

05 maggio 2014 | 15:00

Boom di presenze al Festeval Internazionale del Giornalismo di Perugia

(TMNews) Boom di presenze a Perugia per il Festival Internazionale del Giornalismo 2014, che si è consolidato ormai come come uno tra i più importanti “media event” nel panorama europeo. Come riferiscono gli organizzatori in un comunicato, in sei giorni (dal 29 aprile al 4 maggio) sono affluite nel capoluogo umbro tra le 50 e le 60.000 persone, che hanno assistito a oltre 300 eventi.
Due importanti novità quest’anno sono state la formula di organizzazione, con il modello crowdfunding + corporate sponsorship, e l’anteprima a Roma, il 28 aprile, con l’evento speciale “War on journalism. Lo scontro media e potere” con Ezio Mauro e Alan Rusbridger, direttore del neo premio Pulitzer Guardian.

L’ottava edizione ha registrato un notevole aumento di presenze rispetto allo scorso anno. Gli eventi sono stati oltre 300, tra incontri-dibattito, interviste, premiazioni, presentazioni di libri, case history, startup e nuove realtà e tendenze editoriali – dei quali almeno la metà in traduzione simultanea, con 544 relatori. Più di 2.000 i giornalisti accreditati, 50 i workshop, 14 le presentazioni, oltre 140mila le visite al sito internet, 20.000 gli accessi per i video della web tv, 230.000 minuti in una settimana (dati aggiornati a sabato 3 maggio). Sono stati trasmessi in diretta streaming tutti gli eventi in tre diverse sale: Sala dei Notari, Teatro della Sapienza e Sala Raffello, Hotel Brufani.

Con più di 50mila tweet in cinque giorni (e oltre 10mila account unici partecipanti), 10.000 in più rispetto alla scorsa edizione, il Festival ha dominato la conversazione online.
Il quarto giorno – sabato 3 Maggio – si è registrato un record assoluto con 13.286 tweet. Per quanto riguarda Facebook: 414.000 sono state le visualizzazioni durante la settimana della manifestazione, 6.000 tra “mi piace”, commenti e condivisioni.

La campagna istituzionale del Festival Internazionale del Giornalismo per il #pressfreedom day “We stand for the messengers”, organizzata in tempo reale a partire da una frase del keynote di Margaret Sullivan, è stato il terzo contenuto più visto su Twitter con hashtag #ijf14.

Il centro storico della città è stato popolato da turisti, visitatori e ospiti provenienti da ogni parte del mondo che hanno contribuito ad animare le vie e il corso, anche improvvisando incontri e dibattiti all’aperto, confermando il Festival un grande evento promozionale per la città sempre più a livello internazionale, una grande occasione di networking e un patrimonio culturale da tutelare con tutte le forze.
Da non dimenticare inoltre i 300 volontari, giovani aspiranti giornalisti – e non solo – arrivati da ogni parte del mondo e impegnati a pieno e con entusiasmo nella macchina organizzativa.
L’edizione 2015 del Festival si svolgerà a Perugia dal 15 al 19 aprile 2015. L’hashtag ufficiale: #ijf15 (TMNews 5 maggio 2014)