Rcs: aprile mese negativo per la pubblicità. “Ci sono stati troppi ponti”, dice Jovane

(MF-DJ) Aprile è stato un mese negativo per la raccolta pubblicitaria di Rcs perchè “ci sono stati troppi ponti”, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo ha spiegato l’a.d. della società editoriale di Via Solferino, Pietro Scott Jovane, a margine dell’assemblea dei soci, aggiungendo che “aprile non può essere considerato un mese rappresentativo. 

Pietro Scott Jovane (foto Olycom)

Guardiamo di più a maggio e giugno”. Parlando poi delle attività in Spagna, il top manager ha ribadito che “questa parte del nostro business potrà beneficiare della ripresa economica e catturare dividendi di opportunità” derivanti proprio da questa ripresa. (MF-DJ, 8 maggio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro