Editoria

13 maggio 2014 | 14:55

Mondadori: perdita netta in diminuzione a 6,5 milioni di euro nel primo trimestre. Fatturato in calo -8,3%

(MF-DJ) Nel corso del primo trimestre, Mondadori ha riportato una perdita netta in diminuzione a 6,5 milioni di euro, che si confronta con un risultato negativo per 15,3 milioni di euro conseguito nell’analogo periodo dello scorso anno.

Il fatturato consolidato, spiega una nota, è diminuito dell’8,3% a/a a 268,3 milioni, calo che si riduce al 6,5% a perimetro omogeneo.

Passa inoltre in terreno positivo l’Ebitda, che si attesta a 5,6 milioni rispetto ai -4,6 milioni riportati nel marzo del 2013. Torna il segno più anche per l’Ebit (0,1 mln), che si confronta con i -10,6 milioni dello scorso anno.

La posizione finanziaria netta di gruppo peggiora a -396,5 milioni di euro (-363,2 mln al 31/12/13).

Sul fronte Libri, Mondadori ha mantenuto stabile la propria quota confermando la leadership di mercato. I ricavi dell’area nei primi tre mesi dell’anno sono stati di 56,8 milioni di euro (-10,1% a/a). L’area periodici Italia ha registrato ricavi per 81,3 milioni (-8,4%). Diminuisce dell’1,6% a 81,7 milioni di euro anche il giro d’affari dell’area Periodici Francia, mentre una leggera crescita a/a a perimetro omogeneo si registra sul fronte di Mondadori Pubblicità (vendite per 3,9 mln). Il retail registra poi ricavi in calo del 6,9% a 47,2 milioni, mentre sullo stesso fronte R101 fa segnare un risultato in linea t/t a 2,6 mln. Infine, il volume d’affari dell’area Digital si mantiene stabile grazie alla forte crescita degli e-book (+57%) e dei siti delle testate italiane (+24%) – tra cui Donnamoderna.com (+23,8%), Grazia.it (+43,5%) e Panoramauto.it (+5,2%) – e francesi (+39%), che compensano la riduzione dei ricavi accusata da Cemit e inMondadori.it.

Per quanto riguarda i prossimi mesi, in un contesto di mercato che non mostra ancora segnali di miglioramento, le positive risultanze del primo trimestre consentono a Mondadori di stimare per l’intero esercizio 2014 un Ebitda superiore a quello dell’esercizio 2012, confermando quanto indicato già in sede di presentazione del bilancio al 31 dicembre 2013. (MF-DJ 13 maggio 2014)