Anche Yahoo! si lancia nelle chat, compra Blink

(ANSA) Il fronte delle chat e il conseguente interesse dei big della tecnologia, diventa sempre più ampio. Dopo la cifra record spesa da Facebook per WhatsApp anche Yahoo! si lancia nell’arena e compra Blink, senza però rilasciare dettagli sulla transazione. Blink è un’applicazione per inviare messaggi ‘usa e getta’ – che si auto-cancellano dopo un certo numero di secondi – rivale del più noto servizio SnapChat, quello che il social network di Mark Zuckerberg non è riuscito fino ad ora a comprare. L’acquisto è stato confermato dalla stessa Blink sul suo sito. Entrambe le versioni di Blink, per iOS e Android, nelle prossime settimane saranno ‘spente’. La metà degli utenti è negli Usa, ma il resto è per lo più concentrato in Medio Oriente. Il team dell’app, sette persone compresi i fondatori, sarà integrato in Yahoo!. La piattaforma è frutto dei Meh Labs, compagnia fondata dagli ex Google Kevin Stephens e Michelle Norgan. Così come ex Google è l’attuale e aggressiva Ad di Yahoo!, Marissa Mayer. L’acquisto arriva a pochi giorni dall’accordo stretto da SnapChat con la Ftc americana che l’accusava di ‘tradire’ le aspettative sulla privacy dei suoi utenti e che ora ne ‘sorveglierà’ le politiche di riservatezza per i prossimi 20 anni. L’interesse dei giganti del web nei confronti delle piattaforme mobili di comunicazione non si ferma, e non a torto. Secondo le ultime stime del GlobalWebIndex le chat continuano a crescere in termini di popolarità: negli ultimi sei mesi SnapChat è cresciuta del 67%, Whatsapp del 30%. Anche John McAfee, ex ‘re’ degli antivirus, si è appena lanciato nel settore con un’app di messaggi che punta su dati criptati. (ANSA, 14 maggio 2014)

Marissa Mayer (foto Getty Images)

Marissa Mayer (foto Getty Images)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Panico tra gli utenti Netflix: arriva la pubblicità? L’azienda: no, sono “promotionals” (e si possono skippare)

Esposto Codacons all’Antitrust su Sky e Dazn: pratiche commerciali scorrette e pubblicità ingannevole

L’Ue verso sanzioni più severe contro piattaforme web che non rimuovono subito contenuti di propaganda estremista