Gli articoli sponsorizzati piacciono tanto quanto quelli normali. A dirlo è il New York Times

(TMNews) I quotidiani potrebbero presto chiedere agli inserzionisti di scrivere direttamente notizie per loro. Esse infatti sono una fonte di ricavi destinata a crescere, visto che i lettori dedicano agli articoli sponsorizzati lo stesso tempo di quello trascorso leggendo quelli tradizionali. A dirlo è Meredith Levien, vicepresidente esecutivo della divisione pubblicità del New York Times. Lo storico giornale americano ha iniziato a pubblicare i cosiddetti ‘paid post’ a partire dallo scorso gennaio imitando quanto fatto finora – con grande successo – da siti popolarissimi come Mashable e BuzzFeed. Settimane fa la compagnia aerea United Airlines ha creato una grafica interattiva sul sito del Times, mostrando quanto lontano gli atleti hanno dovuto viaggiare per i Giochi Olimpici di Sochi. L’intero pacchetto ha generato circa 200.000 visite, molte più di un tipico articolo.

La strategia, chiamata in gergo anche ‘native advertising’, è in questi mesi molto dibattuta nel mondo della stampa e non solo. Le dichiarazioni di Levien sembrano contraddire un precedente report del Wall Street Journal, secondo cui i lettori non dedicherebbero più di quindici secondi per contenuti sponsorizzati. Il Times punta a sfruttare il notevole traffico sulla sua homepage (circa 35 milioni di accessi al mese) e controbilanciare lo spaventoso calo di introiti pubblicitari, passati da 1,27 miliardi di dollari nel 2006 ai 711,8 miliardi dello scorso anno.

Gli inserzionisti lavorano gomito a gomito con il giornale per la creazione delle storie, che sono segnalate ai lettori per non essere confuse con gli articoli veri e propri. La capacità di raccontare può venire da qualunque fonte, ha sostenuto Levien. “I brand sono narratori e ci raccontano storie che sono legate alla cronaca”. Levien ha però messo in guardia dall’utilizzare parametri esclusivamente numerici per valutare il coinvolgimento del lettore. Il Times “non si limita a vendere l’audience o il contesto [agli inserzionisti], ma condivide con loro i nostri strumenti di racconto e i nostri standard qualitativi”. (TMNews, 14 maggio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste