TLC

16 maggio 2014 | 11:25

Il settore delle telecomunicazioni francese è in rovina. A dirlo è il ministro dell’economia Montebourg

(MF-DJ) Il settore delle telecomunicazioni francese e’ “in rovina” e una soluzione è quella di ridurre il numero di operatori di telefonia mobile dagli attuali quattro a tre.
Ad affermarlo e’ stato il ministro dell’Economia Arnaud Montebourg, nel corso di un’intervista all’emittente televisiva Bfm Tv.
Il ministro ha parlato di “molteplici colloqui” in corso tra tutti gli operatori di telefonia mobile e quindi non solo tra Orange e Bouygues dopo il passaggio ad aprile di Sfr da Vivendi a Numericable.
Le ultime indiscrezioni danno infatti l’ex monopolista transalpino in trattative per rilevare Bouygues Telecom. Orange ha risposto alle voci affermato che ha avviato la fase di valutazione delle opportunità di consolidamento nel settore.
Il primo ministro Manuel Valls ha chiesto discrezione e moderazione di fronte a “voci, che tra l’altro sono state smentite dagli interessati”.
“Sono società quotate, quindi è necessaria moderazione”, ha spiegato Valls, aggiungendo che “la preoccupazione del governo francese è quella di aumentare gli investimenti e l’occupazione e con settori del genere, strategici e delicati bisogna essere discreti e non commentare le voci”.
Nel frattempo, il consolidamento sembra ormai inarrestabile. Numericable, dopo aver acquisito Sfr, ha annunciato di essere entrata in trattative esclusive per acquistare Virgin Mobile France con un’operazione dal valore di 325 milioni di euro. L’operatore via cavo, di proprietà della holding del finanziere franco-israeliano Patrick Drahi, Altice, ha avviato trattative con Omer Telecom Limited, società controllata con il 46% del capitale da Carphone Warehouse Group, una delle maggiori catene di prodotti per la telefonia mobile del Regno Unito. (MF-DJ 16 maggio 2014)

Arnaud Montebeurg (foto Olycom)