Cinema

16 maggio 2014 | 15:09

Dreamworks compie 20 anni e guarda al futuro con l’espansione in Cina

(ASCA) La Dreamworks Animation festeggia oggi il suo 20esimo compleanno a Cannes, dove il cofondatore Jeffrey Katzenberg ha presentato ”Dragon Trainer 2”. Fondata nel 1994 da Steven Spielberg, Katzenberg e David Geffen, la Dreamwork Animation guarda ora al futuro, verso un’evoluzione dei formati e un’espansione in nuovi mercati piu’ redditizi come quello cinese. In 20 anni ha prodotto 28 cartoni animati, fra cui la saga di ”Shrek” e ”Wallace e Gromit”, vincitori del premio Oscar rispettivamente nel 2002 e nel 2006. ”Credo che la Dreamworks possa essere orgogliosa di aver creato il primo grande studio cinematografico dopo la Seven Arts”, ha dichiarato Tom Sito, professore di cinema alla University of Southern California (Usc). Fra le altre produzioni della Dreamworks, infatti, vanno ricordati ”Kung fu panda”, ”Il principe d’Egitto” e film come ”American beauty”, ”Il gladiatore” e ”Lincoln”. Come le altre case produttrici non e’ pero’ immune dal commettere passi falsi, come accaduto lo scorso anno con il grande flop di ”Turbo”.

Jeffrey Katzenberg (foto Olycom)

Per questo motivo Katzenberg, ex dirigente della Disney, ha sottolineato la necessita’ di continuare a evolversi e diversificarsi, investendo soprattutto nel mercato televisivo e del web. ”I film non sono un business in crescita”, ha detto in una recente conferenza tenuta Beverly Hills, prevedendo che fra 10 anni i film potrebbero restare al cinema solo per tre settimane, prima del trasferimento in altri formati, comportando quindi una variazione di prezzo. ”Quando cio’ accadra’, il settore cinematografico dovra’ essere completamente reinventato”, ha poi aggiunto. ”La maggior sfida che deve ora affrontare la Dreamworks – ha continuato il professor Sito – e’ quella di riuscire a sviluppare piu’ in profondita’ alcuni temi, in linea con i trends del mercato. La Disney, per esempio, ha molte piu’ risorse, come canali televisivi dedicati e parchi a tema interattivi”. Per questa ragione Katzenberg ha ribadito la necessita’ di un ampliamento in altri mercati come in Cina, dove nel 2012 e’ stata creata la Oriental DreamWorks, una filiale con base a Shangai con l’obiettivo di creare film con ”Dna propriamente cinese”. (ASCA 16 maggio 2014)