New media

19 maggio 2014 | 11:09

Boccia: positivo lo stop della battaglia legale tra Google e Apple, ma rimane il nodo dell’evasione fiscale

(AGI) “Apprendiamo che Apple e Google hanno raggiunto un accordo che mette fine alla battaglia giudiziaria durata anni sui brevetti degli smart phone. Non puo’ che farci piacere anche se la notizia, che giustamente sta facendo il giro del mondo, non risolve il nodo fondamentale dell’elusione fiscale da parte delle multinazionali e quello del sostegno alla proprieta’ intellettuale che loro, invece, si preoccupano solo di come sfruttare”. Lo afferma il presidente della commissione Bilancio di Montecitorio, Francesco Boccia,rilanciando “l’urgenza che l’Italia e l’Europa affrontino il tema della concorrenza sleale dei grandi colossi mondiali nei confronti di tutte le altre aziende del mondo digitale”.

Francesco Boccia (foto Olycom)

Il tema, ricorda Boccia, “e’ stato al centro di un incontro promosso a Parigi la scorsa settimana dal ministro dell’Economia francese, Arnaud Montebourg, dal titolo ‘Open Internet Project’, e ne discuteremo ancora a Roma il 5 giugno in occasione di un convegno promosso dalla commissione Bilancio, moderato da Giovanni Minoli, con gran parte degli operatori del mondo digitale. Il mio tentativo di introdurre una tassa per le multinazionali – conclude Boccia – ha trovato molti ostacoli ma anche grande consenso tra le aziende che vivono, sperimentano e rilanciano quotidianamente l’economia digitale ed e’ evidente che la politica non puo’ non porsi il problema di come impedire le posizioni dominanti dei grandi gruppi mondiali”. (AGI 17 maggio 2014)