Blitz dell’Europol contro gli hacker: 97 arresti di cui 13 in Italia

(ASCA) Blitz dell’Europol contro gli hacker che utilizzavano il malware conosciuto come ”Blackshades”, attraverso il quale si cercava di estorcere denaro ai proprietari dei computer ”infettati”. Circa cento persone sono finite in manette, dopo un’indagine che ha riguardato 16 diversi paesi, secondo quanto riferito in un comunicato congiunto di Europol ed Eurojust. Migliaia di persone in tutto il mondo avevano acquistato il BlackShades RAT (Remote Access Tools), un software che puo’ essere usato per prendere il controllo della webcam di un utente o di tutto il computer, criptarne i contenuti e chiedere un ”riscatto” per sbloccarli. In due giorni, la polizia europea e l’FBI americana hanno perquisito 359 abitazioni, effettuato 97 arresti e sequestrato denaro contante, armi, droghe e un migliaia di apparecchiature per lo storaggio dei dati. I raid hanno riguardato Olanda, Belgio, Francia, Germania, Gram Bretagna, Stati Uniti, Canada, Cile, Svizzera e Italia, dove il servizio anticrimini informatici della Polizia postale ha identificato e denunciato a piede libero 13 persone, sequestrando numerosi computer.(ASCA 19 maggio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram

Radio, i nuovi dati di ascolto Ter online il 24 luglio. Rilevato il primo semestre 2018

Iliad, raggiunto un milione di clienti in meno di due mesi. Levi: tempi sorprendenti, rilanciamo l’offerta