Mercato

26 maggio 2014 | 15:30

‘Nati per Proteggere’, la nuova campagna di Axa che parla di protezione

Con ‘Nati per Proteggere’ Axa torna a fare comunicazione e lo fa parlando del suo mestiere. Da domenica 1 giugno, la nuova campagna firmata da Publicis Conseil e adattata per il nostro paese da Publicis Italia, sarà on air sulle principali emittenti digitali e satellitari con un’intensa attività anche sul web. Storie vere che raccontano come dietro brand assicurativo ci siano persone che lavorano ogni giorno per prevenire i rischi, rendere il più sicuri possibile i clienti e fornire loro assistenza a 360 gradi nelle situazioni di difficoltà: prima attraverso la ricerca e la prevenzione, durante con l’assistenza e la tempestività, dopo tramite la consulenza ed il supporto.

Tre sono le parole chiave su cui si sviluppa la campagna: ‘prevenire’, ‘sostenere’ e ‘accompagnare’. La campagna, si legge in una nota, è declinata su tre soggetti, veri collaboratori di Axa, che si impegnano concretamente nella protezione: Theodoros – ricercatore universitario, François – medico – e Bruno – liquidatore di sinistri gravi. Collegata alla campagna anche l’iniziativa www.natiperproteggere.it, una piattaforma attraverso la quale Axa vuole far emergere storie di protezione in Italia, delle quali siano protagonisti o anche solo testimoni persone comuni. Storie di protezione di chi si rende protagonista di piccoli grandi gesti quotidiani o di attività più strutturate che coinvolgano più persone.

Per candidare le storie, siano esse storie personali o storie di altri, singoli o associazioni/enti/organizzazioni, basterà compilare sul sito, entro il 14 luglio p.v., l’apposito form. Le otto storie ritenute più significative dalla giuria accederanno alla fase finale e saranno trasformate, grazie all’intervento di una troupe professionale, in ‘video-storie’, che dal 23 settembre al 24 ottobre potranno essere votate su www.natiperproteggere.it. La storia migliore si aggiudicherà – il 7 novembre – il premio di 50.000 euro a scelta tra borse di studio, corsi di formazione o aggiornamento in un settore specifico, la fornitura di attrezzature tecnologiche, la ristrutturazione e l’ammodernamento di strutture utili per rafforzare l’attività propria o di quella del gruppo/associazione che si rappresenta.