TLC

27 maggio 2014 | 10:09

Si aprono i cantieri per lo scioglimento di Telco. L’operazione partirà da giugno

(MF-DJ) Si aprono i cantieri per lo scioglimento di Telco, un percorso che, tecnicamente, partira’ a meta’ giugno per poi concludersi nel giro di sei mesi.
I patti parasociali di Telco siglati lo scorso settembre, secondo quanto si legge sul Sole 24 Ore, tracciano passo dopo passo il percorso che sara’ seguito per rendere operativa la scissione che nei fatti portera’ Mediobanca (7,34%), Intesa Sanpaolo (7,34%), Generali (19,32%) e Telefonica (66%) a prendere strade diverse. Dallo scorso primo gennaio Telefonica ha infatti la possibilita’ di convertire le azioni C in azioni B fino a raggiungere un massimo del 64,9% dei diritti di voto in Telco.
L’accordo, valido fino al 28 febbraio 2015, prevede poi per i soci la facolta’ di chiedere la scissione dal 15 al 30 giugno 2014 o dal 1 al 15 febbraio 2015.
In questo contesto, continua il quotidiano, ci sono ad oggi almeno due certezze: Telefonica non salira’ in Telco e i tre soci italiani coglieranno la finestra di giugno per sciogliere l’alleanza ed entrare cosi’ in diretto possesso del pacchetto pro quota di Telecom Italia. (MF-DJ 27 maggio 2014)