Comunicazione, Editoria

27 maggio 2014 | 16:47

Il Front National spia la vita privata dei giornalisti, scrive Le Point. Ma il partito smentisce

(ANSA) Il Front National, diventato il primo partito francese dopo le europee di domenica, spia i giornalisti che lo seguono. Lo rivela il settimanale Le Point. “La nostra strategia di comunicazione è di attaccare i giornalisti. La stampa non ci sostiene, allora perché continuare a collaborare?”, sostiene Philippe Martel, capo di gabinetto della presidente Marine Le Pen, citato dalla giornalista di Le Point Anna Cabana. E ancora: “Bisogna fare sapere che tipo di studi hanno fatto, in che appartamenti abitano”. Il Front National, scrive ancora il giornale, ha inoltre creato alcune schede sul percorso dei giornalisti, dalla formazione scolastica alla vita privata, in modo da avere argomenti con cui pungolarli durante i dibattiti. “Avete visto come Marine Le Pen in tv ha attaccato Apolline de Malherbe? Questo è solo l’inizio”, ha spiegato Martel, riferendosi a un intervento alla rete all news Bfm Tv in cui la Le Pen era riuscita a destabilizzare la giornalista che l’intervistava attaccandola sui suoi studi a Sciences Po e sul suo passato di sostenitrice di Jean-Pierre Chevenement, fondatore del Movimento dei cittadini e soprannominato il “gollista rosso” per la sua ammirazione verso Michel Debré. Martel, però, smentisce seccamente le informazioni di Le Point. “Anna Cabana – scrive su Twitter – non dovrebbe lasciarsi influenzare da considerazioni personali quando scrive un articolo. E’ la Nsa (l’agenzia per la sicurezza nazionale americana, ndr.) che scheda le persone non il Fn. Non ho realizzato alcuna strategia contro la stampa. Il Front national non ha né piano media né schede sui giornalisti. Si interessa agli elettori”. (ANSA, 27 maggio 2014)

Marine Le Pen (foto Olycom)

Marine Le Pen (foto Olycom)