Guerra Amazon-Hachette, in gioco il futuro dell’editoria

(ANSA) Uno scontro fra filosofie con una posta in gioco alta: il futuro dell’editoria. Amazon e Hachette ingaggiano una battaglia per il rinnovo del contratto che le lega, dando vita a una vera ‘guerra dei libri’, nella quale finiscono in mezzo, ostaggio, i 5.000 titoli Hachette venduti su Amazon. Il colosso delle vendite mantiene la linea dura, e ai suoi clienti dice: se volete libri Hachette potete rivolgervi ai nostri rivali. Le trattative per il rinnovo sono iniziate silenziosamente ma i toni si sono poi alzati, e ora i due giganti si lanciano sferzate per averla vinta e imporre la propria linea negli anni a venire. Tutto e’ cominciato negli ultimi 10 anni, con l’ascesa di Amazon che controlla ora circa il 50% delle vendite di libri, digitali e non, negli Stati Uniti avendo strappato quote di mercato a Barnes & Nobles (sottoposta a un drastica cura dimagrante), Borders (la catena di librerie fallita) e alle librerie indipendente (passate da 7.000 di meta’ degli anni 1990 alle 2.000 attuali). Il lancio di Kindle ha rivoluzionato l’industria, spingendo Amazon al controllo di quasi il 90% del mercato degli ebook nel 2010, anno in cui Apple – con l’aiuto delle cinque maggiori case editrici al mondo, inclusa Hachette – ha lanciato iBooks. L’accordo di Cupertino e le case editrici e’ stato ritenuto di recente un ‘cartello’ e, oltre le multe, alla case editrici e’ stato imposto di rinegoziare i precedenti contratti con i distributori – Amazon, Barnes & Noble e Apple -, vietando i termini precedenti. Hachette e’ la prima delle case editrici a dover rinegoziare. Una soluzione non appare a portata di mano. ”Non siamo ottimisti su un’intesa a breve” afferma Amazon, che punta a portare avanti la propria filosofia, ovvero un mondo in cui i libri costano poco, in cui chiunque puo’ pubblicare e dove gli editori e i distributori non possono imporsi e decidere quello che si vende. Dall’altra parte Hachette, fondata nel 1837, che punta a un mondo dove i libri costano di piu’, gli editori migliorano la prosa e i libri stessi sono selezionati e presentati piu’ che semplicemente pubblicati. ”Amazon indica di considerare i libri come qualsiasi altro bene per i consumatori. Ma non lo sono” afferma Hachette, sottolineando che ogni soluzione deve valutare appropriatamente il ruolo della casa editrice nella correzione dei testi, nel marketing e nella distribuzione. (ANSA, 30 maggio 2014)

Jeff Bezos (foto Olycom)

Jeff Bezos (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

Menlo Park si affida ai giornalisti per selezionale alcuni contenuti nel nuovo News Tab

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

News Corp al lavoro su un aggregatore di news per rispondere alle preoccupazioni degli editori su Google e Fb

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste

Hong Kong, anche YouTube chiude 210 canali che diffondevano fake news sulle proteste