Motore di ricerca responsabile del trattamento dei dati personali su pagine pubblicate da terzi

Il gestore di un motore di ricerca su Internet è responsabile del trattamento da esso effettuato dei dati personali che appaiono su pagine web pubblicate da terzi. Lo dice una sentenza della Corte di Giustizia Europea del 13 maggio 2014. Così, nel caso in cui, a seguito di una ricerca effettuata a partire dal nome di una persona, l’elenco di risultati mostra un link verso una pagina web che contiene informazioni sulla persona in questione, questa può rivolgersi direttamente al gestore oppure, qualora questi non dia seguito alla sua domanda, adire le autorità competenti per ottenere, in presenza di determinate condizioni, la soppressione di tale link dall’elenco di risultati.

– Scarica il comunicato con la sintesi della sentenza della Corte Europea (.pdf)

– Clicca qui per leggere la versione integrale della sentenza

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria online: niente pay, bassa reputazione, fatturati scarsi. Agcom: prevale carattere amatoriale

Cresce il numero di chi crede che Facebook sia negativo per la società. In Australia, Uk e Usa i più critici

Un americano su 2 giudica Facebook la tech company meno affidabile