New media

05 giugno 2014 | 10:13

Twitter punta alla musica online. Valuta l’acquisizione di Pandora e Spotify

(ANSA) Twitter vuole cinguettare anche in musica. Il social network valuta acquisizione di servizi di musica online, inclusi Spotify e Pandora. L’obiettivo e’ assicurarsi nuove risorse di crescita, spingendo gli utenti a trascorrere piu’ tempo su Twitter e rassicurando Wall Street. I titoli del social network hanno dimezzato il loro valore nell’ultimo anno, con gli investitori preoccupati per la crescita della societa’ che e’ ancora un quinto rispetto a Facebook. Twitter ha tentato una sua app musicale, Twitter Music, ma senza successo: l’app e’ stata chiusa in marzo. Da allora – riporta il Financial Times – ha collaborato con Billabord. Il rinnovato interesse di Twitter per la musica arriva a pochi giorni dall’acquisizione di Beats da parte di Apple. A spingere la svolta musicale di Twitter e’ Ali Rowghani, il chief operating officer della societa’ che cinguetta, che di recente ha avviato trattative con Soundcloud, il sito audio con sede a Berlino dove i musicisti possono caricare la propria musica. Soundcloud e’ valutata 700 milioni di dollari in base all’ultima raccolta fondi, ovvero piu’ del doppio dei 300 milioni di dollari spesi da Twitter per effettuare la maggiore acquisizione della sua storia, MoPub per 300 milioni di dollari. Rowghani ha esaminato anche possibili offerte per Spotify, valutata 4 miliardi di dollari e Pandora, che ha una capitalizzazione di mercato di circa 5 miliardi di dollari. Con nessuna delle due sono state pero’ avviate trattative. Twitter e’ una delle societa’ che ha ha acquistato piu’ start up mobili, da Vine, il servizio di video clip da sei secondi, a Gnip, provider di dati. Gli analisti ritengono tuttavia che l’azienda non abbia le risorse finanziarie necessarie per acquistare un servizio musicale. Twitter ha raccolto 2,1 miliardi di dollari nell’ipo dello scorso anno e si e’ assicurata una linea di credito da 1 miliardo di dollari, ma non e’ in utile. (ANSA, 5 giugno 2014)

Jack Dorsey, ceo di Twitter (foto Olycom)

Jack Dorsey, ceo di Twitter (foto Olycom)