Il pomeriggio di Canale 5 della stagione 2013/14 è il più seguito in Italia con una media di share del 19%

(Italpress) Il pomeriggio della stagione 2013/2014 e’ il piu’ visto degli ultimi 8 anni di Canale 5. Da settembre a maggio, la fascia pomeridiana dell’ammiraglia Mediaset (dalle ore 13.40 alle ore 19.55) – come si legge in una nota – ha 3 punti di share piu’ della concorrenza che salgono a 10 tra il pubblico piu’ pregiato, quello tra i 15-64 anni (19.3% Canale 5, 16.1% Raiuno; sul target commerciale: 21.2% per Canale 5 contro l’11.4% di share per Raiuno). L’insieme dei programmi del pomeriggio di Canale 5 ha una media di 2.730.000 telespettatori con una share del 19.3%.

Giancarlo Scheri (foto Olycom)

Tra il pubblico 15-64 anni, la categoria d’eta’ piu’ richiesta dagli investitori pubblicitari, la share media si incrementa ulteriormente, salendo al 21.2%. “Sono molto orgoglioso di questi risultati. Il pomeriggio di Canale 5 e’ il piu’ forte della televisione italiana e il piu’ seguito in Europa”, osserva Giancarlo Scheri, direttore di Canale 5. “Risultati eccezionali, frutto di un grande gioco di squadra da parte di tutti coloro che lavorano per Canale 5. Contenuti pregiati ed esclusivi, forte fidelizzazione del pubblico sull’intero arco del pomeriggio e, soprattutto, la forza e la immensa professionalita’ di quattro tra i migliori talenti della televisione italiana: Maria De Filippi, Barbara d’Urso, Paolo Bonolis, Gerry Scotti. Questi i segreti di un successo, che si somma al successo della mattina, con l’ottimo lavoro di Federica Panicucci e Federico Novella e di Barbara Palombelli. Grazie e complimenti a tutti, alle redazioni, alle produzioni, a tutti tutti”, conclude Scheri. (Italpress 5 giugno 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi