New media

06 giugno 2014 | 9:00

Google sorpassa Microsoft: il suo browser è primo in Usa. In aprile Chrome ha conquistato una quota di mercato del 31,8% (l’anno scorso era al 26%)

 (TMNews)  Quello di Google è il browser più usato negli Stati Uniti. Lo rivela un nuovo rapporto di Adobe, secondo cui il colosso di Mountain View, in California, supera così Internet Explorer di Microsoft per numero di visite su siti Web americani attraverso personal computer e dispositivi mobili. Chrome è passato da una quota di mercato del 26% nell’aprile 2013 al 31,8% nello stesso mese di quest’anno. Nello stesso periodo Internet Explorer è sceso dal 37% al 30,9%.

Curiosamente, Google non è primo né per quanto riguarda i browser per desktop computer (dove Internet Explorer ancora svetta con una fetta di marcato del 43%) né per cellulari (dove primeggia Safari di Apple, grazie alla forte diffusione degli iPhone). Ma il dato aggregato permette a Google di aggiudicarsi il primo posto perché Explorer e Safari sono poco usati rispettivamente su dispositivi mobili e su desktop computer.

Il dato conferma il potenziale del giro d’affari di Google nel suo core business pubblicitario, che potrebbe aiutare a ridurre i costi per l’acquisizione di traffico che l’azienda paga ad Apple e a Mozilla Foundation, il produttore di Firefox, per essere il motore di ricerca predefinito nei rispettivi browser. Un altro beneficio non indifferente, nota l’analista Tamara Gaffney, è che gli utenti di Chrome sono spesso loggati con Gmail durante le loro ricerche Internet, e questo dà alle aziende pubblicitarie che lavorano con Google la possibilità di tracciare meglio il comportamento degli utenti.

Eric Schmidt

Eric Schmidt