M5S, vertice a Milano. Grillo e Casaleggio: “Errori comunicazione. Ora toni moderati”. Ecco i nomi di chi guiderà i gruppi

I due fondatori del Movimento 5 stelle firmano sul blog un articolo sulla riorganizzazione dello staff e riconoscono le dinamiche che non hanno funzionato in campagna elettorale.

Secondo il FattoQuotidiano.it  “il Movimento 5 stelle deve assumere una figura di forza di Governo responsabile e moderata nei toni, pur rimanendo inflessibile nei suoi principi e nell’adesione al programma per cui è stata votato”. Lo annunciano sul blog Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio in un post in cui ammettono che sono stati fatti degli errori nella comunicazione prima della battuta d’arresto delle elezioni. Ritorno alle origini. Una comunicazione che parli delle proposte, meno televisione e più decisioni condivise. Sono queste le proposte che i capigruppo del Movimento 5 stelle a Camera e Senato hanno presentato a Casaleggio. Una riunione di poco più di un’ora e mezzo a Milano, negli uffici della società del fondatore, per fare il punto e cercare di ripartire. E dopo poche ore il post sul blog, uno dei pochi firmato a due mani dai fondatori.

Sempre secondo il FattoQuotidiano.it  nello staff non ci saranno grandi cambiamenti. Questi i nomi annunciati che andranno a guidare i gruppi: “A Claudio Messora è stato chiesto di assumere la responsabilità del gruppo di comunicazione europeo, al suo posto al Senato subentrerà Rocco Casalino. A Nicola Biondo verrà affiancata per la comunicazione alla Camera Ilaria Loquenzi, attualmente assistente di Paola Taverna”. Un annuncio che smentisce le voci degli ultimi giorni che ipotizzavano l’azzeramento dei vertici della comunicazione e la cacciata di alcune persone.

Fonte: FattoQuotidiano.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Starace: Enel mai fuori da Open Fiber. Bene qualunque cosa aiuti a cablare il Paese

Amendola batte Ilary, ma anche Gassmann. Gruber doppia Palombelli e supera Porro

Fnsi-Cnog: con tagli all’editoria minore a rischio l’informazione nelle comunità