Il Guardian lancia la piattaforma per condividere documenti eludendo i controlli internet

Il Guardian ha lanciato SecureDrop, una piattaforma che permette a fonti e informatori di trasmettere ai giornalisti documenti riservati in modo sicuro. Il lancio arriva a un anno dalla pubblicazione sul Guardian del primo dei documenti della Nsa trapelati da Edward Snowden, che scatenarono il dibattito mondiale sulla sorveglianza, la privacy e le libertà civili.

La nuova piattaforma open source fornisce alle fonti – che possono scegliere di rimanere anonime – uno strumento per inviare documenti e dati evitando praticamente tutte le più comuni forme di monitoraggio.

SecureDrop è stata inizialmente sviluppata dallo statunitense Aaron Swartz, che si è suicidato nel 2013, ed ora è promossa dall’organizzazione non-profit Freedom of the Press Foundation.

Informazioni su come utilizzare la piattaforma sono all’indirizzo https://securedrop.theguardian.com.

Alan Rusbridger (foto Guardian.com)

Alan Rusbridger (foto Guardian.com)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria, Fnsi: governo colpisce piccole testate non grandi giornali. File: del Fondo beneficiano solo 5 giornali nazionali…

Rai, Tria: proroga a marzo 2019 per definire piano industriale ed editoriale. Conti in miglioramento

Riappare online (con un curioso sottotitolo) l’archivio storico de L’Unità. Mistero sull’autore dell’operazione