Comunicazione, Televisione

06 giugno 2014 | 16:06

Il sottosegretario alle tlc e frequenze Giacomelli: priorità a riforma radicale del canone

(AGI ) Il sottosegretario allo Sviluppo economico con delega alle telecomunicazioni e frequenze, Antonello Giacomelli, ha definito come “ormai superata” la questione del contributo della Rai ai tagli previsti nel 2014, e ha indicato che tra le priorita’ c’e’ ora la “riforma radicale del canone”. Ora “il governo procedera’ alla riforma del canone, al rinnovo della convenzione e alla definizione di una nuova governance e di una nuova Rai. Credo che il tema del contribuito sia ormai alle nostre spalle,” ha detto Giacomelli a margine di un Consiglio Ue telecomunicazioni a Lussemburgo. Alla domanda se un nuovo contributo possa essere richiesto alla Rai anche nel 2015, il ministro ha risposto: “Nel 2015 la situazione sara’ totalmente diversa, sia per quello che riguarda il canone, in quanto ci sara’ stata la riforma, e sia – ci auguriamo – per la situazione del paese”. Quanto alla riforma del canone, alla domanda se la riforma implichera’ una riduzione dei pagamenti per i contribuenti, Giacomelli ha risposto parlando di “una modifica radicale del sistema attuale, che implica l’introduzione del criterio di equita’, di un meccanismo che elimini l’evasione, e di un meccanismo che tolga l’odiosita con cui e’ percepito questo contributo da parte dei cittadini”. (AGI 6 giugno 2014)