Come la recessione ha colpito i posti di lavoro nel giornalismo, nell’editoria e nelle tlc (INFOGRAFICA)

Un’infografica con 225 visualizzazioni prodotta da Upshot, il blog di data journalism del New York Times, racconta come la recessione abbia rimodellato il mercato del lavoro. Clicca qui per accedere all’infografica integrale.

Gli editor Jeremy Ashkenas e Alicia Parlapiano – che per questo progetto hanno utilizzato i dati del Bureau of Labor Statistics  – hanno rilevato che, sebbene l’internet publishing sia rimasto relativamente indenne, esso non ha compensato la perdita di quasi mezzo milione di posti di lavoro nel campo dell’editoria. Le industrie stampa, radio, tv e broadcaster non sono ancora riuscite a recuperare le perdite.


I giornali sono il secondo settore più colpito dopo le telecomunicazioni in termini di diminuzione dei salari, mentre software, elaborazione dei dati e internet sono stati gli unici tre mezzi a sperimentare la crescita.

Clicca qui per visualizzare l’infografica completa su Upshot con tutti i 225 grafici

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 40% del valore della pubblicità mondiale è digitale. Zenith: quest’anno +13,7%

In ripresa il mercato delle Tlc in Europa. Mediobanca: Tim prima per redditività industriale e investimenti

Le linee broadband di rete fissa raggiungono i 16,4 milioni di unità. Mentre si vendono poco più di 3 milioni di quotidiani in Italia (-11%). E trascorriamo più di un’intera giornata al mese su Facebook