09 giugno 2014 | 11:30

Al giornalista in carcere in Etiopia Eskinder Nega il premio per la libertà di stampa al World Newspaper Congress

Oggi a Torino, durante la sessione di apertura del World Newspaper Congress, è stato simbolicamente consegnato il premio Golden Pen of Freedom a Eskinder Nega, il giornalista è rinchiuso nella prigione di Kaliti, ad Addis Abeba, per aver criticato il governo etiope. Il 14 settembre 2011 è stato arrestato dopo aver pubblicato un articolo in cui condannava l’uso delle leggi antiterrorismo per mettere a tacere il dissenso. Per quell’articolo è stato condannato a 18 anni di carcere per terrorismo.

“Ci sarebbe piaciuto avere Eskinder qui a Torino, perchè potesse ricevere il premio personalmente – ha detto il president di Wan-Ifra, Erik Bjerager -. Ma nonostante i ripetuti sforzi, la risposta delle autorità etiopi ai nostri appelli per la sua liberazione è stato il silenzio. Malgrado ciò, continueremo a batterci fino al giorno in cui Eskinder sarà libero di riprendere il suo posto in mezzo a noi”.

Il premio è stato ritirato da Martin Schibbye, giornalista freelance svedese, arrestato in Etiopia il 1° luglio 2011 con il fotografo Johan Persson e condannati a 11 anni di prigione per aver sostenuto il terrorismo. Dopo quattordici mesi dietro le sbarre sono stati graziati e rilasciati il 10 settembre 2012.

Martin Schibbye

Martin Schibbye