Le librerie giapponesi Tsutaya sbarcano in Italia

Il colosso giapponese Ccc – Culture Convenience Club si prepara ad approdare in Italia con un nuovo format di librerie, le Tsutaya. Secondo il sito Giornaledellalibreria.it, il lancio partirà da Alba, la città del tartufo e del vino a quanto pare molto apprezzata dal fondatore Muneaki Masuda, che ha scelto proprio la prima edizione di un festival dedicato al vino (la Food Wine Design Week, della quale la Ccc è tra i promotori) per annunciare il debutto in Italia.

Muneaki Masuda (foto Forbes)

Muneaki Masuda (foto Forbes)

Nel Paese del Sol Levante le librerie Tsutaya sono molto diffuse: sempre secondo Giornaledellalibreria.it, esse contano 1.500 punti vendita e un bacino di 46 milioni di utenti con un fatturato che nel 2013 ha raggiunto i 200 miliardi di yen (pari a un miliardo e 430 milioni di euro circa).

A redere competitiva l’offerta delle librerie nipponiche sono alcune partenership di alto livello tra cui una joint venture multicanale con Huges Eletronic Corporation, Mitsubishi Corporation, Direct Tv Japan.

Dopo il lancio di Alba, l’espansione dovrebbe puntare verso est e già si parla di un possibile arrivo anche a Milano e in altre città italiane.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rcs: utile netto 2018 in crescita a 85,2 milioni; dal digitale il 16,7% dei ricavi. Dopo 10 anni torna al dividendo

Da Piero Angela a Bernard-Henri Lévy. Tutti i sostenitori della battaglia per la vita di Radio Radicale

Mediaset, Ps Berlusconi: dobbiamo cambiare passo, espandersi all’estero per crescere ancora