GoDaddy scalda i motori per l’ipo, presentati i documenti

(ANSA) GoDaddy scalda i motori per l’ipo. La societa’ di web hosting ha presentato la richiesta alla Sec: con la quotazione GoDaddy punta a raccogliere 100 milioni di dollari, ma si tratta di una cifra puramente indicativa. GoDaddy e’ stata fondata alla fine degli anni 1990 e acquistata da KKR, Silver Lake e Technology Crossover Ventures per 2,25 miliardi di dollari nel 2011. KKR e Silver Lake controllano il 28% ciascuno e TVC il 13%. Il fondatore di GoDaddy, Bob Parsons, ha una quota del 28%. (ANSA, 10 giugno 2014)

Bob Parsons (foto Businessweek.com)

Bob Parsons (foto Businessweek.com)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Crimi ai giornalai: sostenere tutta la filiera; prime soluzioni nella legge di bilancio; tavolo al Dipartimento Editoria

Premio EY 2018 a Sonia Bonfiglioli. Digitale e mercati esteri sempre più vitali per l’imprenditoria italiana

Editoria, allarme Fnsi: con emendamento Varrica azzeramento dei fondi, a rischio mille posti di lavoro