Ruffini bersaglio dei social per le gaffe ai David

(TMNews)  Paolo Ruffini bersaglio dei social network. Il comico toscano, che ieri sera ha condotto la cerimonia dei David di Donatello insieme ad Anna Foglietta, è stato preso di mira per i suoi commenti e le sue battute poco felici a attori e registi che venivano premiati sul palcoscenico, in particolare per l’aggettivo con cui ha salutato la grande Sophia Loren, a cui ha detto: “E’ sempre una topa meravigliosa lei, se lo lasci dire, una cosa fantastica…”. L’attrice è rimasta impassibile con il suo premio in mano, ma lo lo ha gelato con lo sguardo e ha commentato la sua uscita: “Proprio una bischerata eh?!”. Ruffini si è fatto anche un selfie con lei e lo ha condiviso.

Su Twitter spopolano le critiche e l’imbarazzo per le uscite di Ruffini, da chi gli ha ricordato: “Il David non è l’Oscar e lo sappiamo… Ma qualcuno spieghi a @_PaoloRuffini che non sta a #Colorado!”, alludendo al programma comico che ha condotto su Italia 1. O un altro: “Sei presuntuoso non hai eleganza sensibilità tatto nemmeno con l’unica Diva italiana Sophia Loren . Vergognati”. E ancora: “Ma hai visto come le ha parlato? Le ha dato della “bella topa” .. senza rispetto, altroché eleganza”.
Qualcuno, però, che lo ha difeso e ne apprezzato l’ironia c’è stato: “Grande paolo!se si sentisse davvero”una topa meravigliosa”avrebbe riso”.

Anche Paolo Virzì, toscano come il presentatore, e vincitore del David per il miglior film, lo ha ripreso, cercando un po’ di sdrammatizzare la serata: “Io capisco tutto, però modera un po’ il linguaggio, il lessico, sennò poi devono sottotitolare. Fai a modino, Paolino”. (TMNews 11 giugno 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi