Wall Street Italia firma un’accordo esclusivo per il native advertising con ArtAttack

Wall Street Italia, il giornale online di economia, mercati, politica e news fondato e diretto da Luca Ciarrocca, ha siglato un accordo per il lancio di una piattaforma di native advertsing con ArtAttack, agenzia creativa nata nel 2000 a Roma da un’idea di tre dirigenti di Y&R, molto impegnata sul fronte del native advertising.
“Il native adv è al momento una delle poche possibilità di rinnovare il discorso della pubblicità online, spiazzato dalla ripetitività dei format e dal cambio di abitudini di pubblico e inserzionisti”, afferma Ciarrocca. “Quando la pubblicità interrompe ciò che stiamo facendo può risultare inutile, oltre che noiosa. La migliore forma di comunicazione è quella che attira l’attenzione in modo naturale, grazie a contenuti con cui le persone abbiano voglia di interagire davvero, anche sui social”.

Luca Ciarrocca, direttore di Wall Street Italia

È per questo che il native advertising sta crescendo in modo esponenziale. I dati di mercato Usa e Uk sono dirompenti: ormai oltre il 90% degli editori offre questa modalità di pianificazione. “Nel mondo anglosassone agenzie e centri media sono già attrezzati per proporre il native ai clienti, quando non sono gli stessi inserzionisti a chiederlo”, afferma Carlo Borriello, presidente di ArtAttack e Xister. “Le previsioni di crescita esponenziale nei prossimi anni si giustificano perfettamente. E il panorama è destinato a una rivoluzione anche in Italia, come dimostrano i primi timidi tentativi di Corriere.it e Repubblica.it”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Stati Generali dell’Editoria. Conte: faremo sintesi tra le diverse istanze, ddl a settembre

Stati Generali dell’Editoria. Conte: faremo sintesi tra le diverse istanze, ddl a settembre

<strong> Venerdì e Sabato </strong> Bonolis batte Conti. La Nazionale di Mancini stacca De Filippi in replica

Venerdì e Sabato Bonolis batte Conti. La Nazionale di Mancini stacca De Filippi in replica

Maurizio Carlotti lascia Atresmedia. Dopo quarant’anni di lavoro nel mondo audiovisivo ha deciso di godersi la vita

Maurizio Carlotti lascia Atresmedia. Dopo quarant’anni di lavoro nel mondo audiovisivo ha deciso di godersi la vita