Editoria, New media, Pubblicità

13 giugno 2014 | 10:42

Per gli italiani i mezzi di comunicazione sono veicolo di cattive notizie che generano preoccupazione e creano un rifiuto nei confronti dei media. La ricerca Stetoscopio (DOCUMENTI)

Per una buona parte degli italiani i mezzi di comunicazione sono troppo spesso veicolo di cattive notizie che generano preoccupazione, tanto da creare una sorta di rifiuto nei confronti dei media. Questa è una delle conclusioni a cui arriva la ricerca Stetoscopio – Il sentire degli italiani, un’indagine quali-quantitativa, promossa dalla compagnia online Quixa e da Rds Radio Dimensione Suono e condotta dall’istituto di ricerca Mps Marketing Problem Solving, che per quattro anni ha analizzato periodicamente il vissuto degli italiani, per capire quanto e in che modo sono cambiati come cittadini e come consumatori.

I risultati principali dell ricerca Stetoscopio – Il sentire degli italiani (docx):

- Scende il potere d’acquisto e si rinuncia anche a spese fondamentali. Nel 2012 il 49% degli italiani ha visto diminuire il reddito, ma per il 2015 solo il 7% si aspetta un ulteriore riduzione. Se nel 2012 il 95% ha fatto rinunce, oggi la percentuale è scesa al percentuale è scesa all’82%. Cambia la scala di valore dei consumi.
- Le strategie di risparmio: si riscoprono “fai-da-te” e acquisti sul web. Quasi l’80% degli italiani fa da solo le riparazioni di casa e adatta gli abiti per farli durare nel tempo; oltre il 70% vede gli amici a casa e non nei locali; il 60% ha ridotto l’uso dell’auto e quasi il 20% fa il pane e la pizza in casa. Sul web si risparmia soprattutto sui siti multimarca come Amazon (45%) e comparatori (34%), per acquisti di abbigliamento, scarpe e accessori (43%), prodotti culturali e di intrattenimento (31%), elettronica (28%), biglietti arei (18%) e new device (16%).
- Cittadini e istituzioni. Il voto degli italiani per la propria condizione attuale è di 48,9 (su 100) ma sale a 60 per il prossimo anno. Cauto ottimismo in tutti i campi, migliora soprattutto la vicinanza alle istituzioni (+0,5 punti).
- L’informazione genera ansia. Una buona parte degli italiani è “disaffezionata” ai mezzi di informazione, che veicolano brutte notizie e generano ansia.

Scarica o leggi la sintesi della  ricerca Stetoscopio – Il sentire degli italiani (docx)