A cosa serve la formazione giornalistica? Ne parla il direttore del Reuters Institute

“Il giornalismo professionale sta perdendo buona parte della sua funzionalità e della sua significanza per la società e formare i giornalisti del futuro è una sfida sempre più complessa”. A richiamare l’attenzione sul tema è stato Robert Picard, direttore del Reuters Institute for the Study of Journalism di Oxford, in occasione di una conferenza sul futuro dell’informazione che si è tenuta un paio di settimane fa presso la Ryeson University a Toronto.

Secondo l’economista dei media, nessuno sa come insegnare il futuro, ma un docente universitario deve aiutare gli studenti a scoprirlo, interpretarlo e navigarlo a loro modo. Non è impossibile e viene fatto ogni giorno in altri settori professionali, nella finanza, nell’ingegneria e nelle scienze biomediche. “Comunque – ha detto – nonostante i 150 anni trascorsi da quando la formazione giornalistica è entrata nelle università, non è ancora stata sviluppata una base di conoscenza condivisa”.

Stephan Russ-Mohl, direttore dell’European Journalism Observatory, ha sintetizzato il discorso di Picard. Leggilo su Ejo.ch.

 

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Rai, Sangiuliano: contesteremo punto per punto le motivazioni Agcom

Rai, Sangiuliano: contesteremo punto per punto le motivazioni Agcom

Giornalismo, grazie alla tecnologia Npl gli articoli di ‘Not Real News’  li scrive il computer

Giornalismo, grazie alla tecnologia Npl gli articoli di ‘Not Real News’ li scrive il computer

Festival del Giornalismo alimentare a Torino: dal ‘doggy bag’ alla ‘spesa che sfida’

Festival del Giornalismo alimentare a Torino: dal ‘doggy bag’ alla ‘spesa che sfida’