17 giugno 2014 | 16:53

Equo compenso, l’Ordine della Lombardia avvia un’indagine su sette testate che non rispetterebbero le norme

Dopo le polemiche dei giorni scorsi tra Ordine dei giornalisti, Fnsi e Fieg sull’attuazione della legge del 2012 sull’equo compenso, qualcosa si muove. L’Ordine della Lombardia ha deciso di far partire gli accertamenti sul rispetto della Carta di Firenze, a tutela dei collaboratori freelance, in particolare precari, contro lo “sfruttamento” imposto dagli editori attraverso la catena di comando all’interno delle redazioni.


Gabriele Dossena Presidente dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia

L’Ordine lombardo ha deciso inoltre di trasmettere al Consiglio di disciplina territoriale i fascicoli relativi ad alcune testate giornalistiche, a carico delle quali sono arrivate segnalazioni documentate da parte dell’Ordine nazionale: La Gazzetta dello Sport, Il Giorno, L’Arena, Il Gazzettino, Il Centro, L’Ora della Calabria, Vogue.it.
Il Consiglio di disciplina territoriale dovrà accertare se vengono pubblicati articoli che, a giudizio del Comitato esecutivo dell’Ordine nazionale dei giornalisti, “violano lo spirito della Carta di Firenze”.