Sette anni di carcere per i giornalisti Al Jazeera sotto processo al Cairo

(ANSA) Sono stati condannati a sette anni di carcere i tre giornalisti della tv Al Jazeera sotto processo al Cairo per sostegno ai Fratelli musulmani. Lo si e’ appreso al Tribunale. L’accusa aveva aveva chiesto condanne ancor piu’ pesanti. C’e’ possibilità di ricorso in Cassazione. La condanna a 7 anni e’ stata inflitta al giornalista australiano Peter Greste e a quello egiziano-canadese Mohamed Fahmi. Al producer egiziano Baher Mohamed sono stati inflitti 10 anni, hanno precisato le fonti al tribunale. La stessa pena ai 12 contumaci tra cui compaiono un britannico e una canadese. L’accusa aveva chiesto tra i 15 e i 25 anni di carcere. Il processo ha coinvolto 20 reporter, fotografi e cameraman accusati di “disinformazione” e sostegno alla Fratellanza Musulmana, bandita di nuovo come organizzazione terroristica nell’Egitto dei militari. (ANSA, 23 giugno 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi