Google si lancia nel mercato dei domini internet

(ANSA) Google allarga la presa sul web: le ricerche online, la vendita di pubblicità, i servizi ‘cloud’ e ‘social’ non bastano più, il gigante di Mountain View punta alle basi e comincerà a vendere i domini internet, in pratica i ‘nomi’ dei siti web che chi vuole aprire deve registrare, e acquistare, tramite piattaforme ad hoc. Così arriva Google Domains, per ora su invito e in fase di test. Una sfida aperta a operatori come GoDaddy, Domain.com e in Italia ad Aruba e Register. Google Domains, spiega l’azienda sul suo blog, nasce perché nonostante un sito web oggi sia ”il primo posto in cui le persone vanno a cercare informazioni su un’impresa” una ricerca interna indica che oltre la metà delle piccole aziende (il 55%) ancora non ha una sua pagina web. Di qui l’obiettivo di aiutarle con una piattaforma che, integrata con altri servizi Google, consenta di muovere i primi passi per la creazione di un sito, ovvero la registrazione del dominio web. ‘Domains’, si legge, permette di cercare, trovare, acquistare e trasferire il miglior nome di dominio per la propria attività, sia che termini in ‘.com’ oppure nei nuovi che man mano verranno rilasciati, da ‘.guru’ a ‘.photography’. Google Domains offrirà servizi che spaziano dalla disponibilità di 100 indirizzi email per ogni dominio a 100 sottodomini personalizzati a 12 euro l’anno. Non ospiterà sui suoi server i siti registrati, ma per questo ha stretto accordi con Squarespace, Wix, Weebly e Shopify. Punta sull’assistenza: offre supporto via telefono e mail a tutti gli utenti. Un modo per attrarre aziende di piccole dimensioni e utenti alle prime armi col web. (ANSA, 24 giugno 2014)

Larry Page (foto Olycom)

Larry Page, ceo di Google (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Panico tra gli utenti Netflix: arriva la pubblicità? L’azienda: no, sono “promotionals” (e si possono skippare)

Esposto Codacons all’Antitrust su Sky e Dazn: pratiche commerciali scorrette e pubblicità ingannevole

L’Ue verso sanzioni più severe contro piattaforme web che non rimuovono subito contenuti di propaganda estremista