Su tablet e smartphone Android il 66% delle vendite e-commerce globali: il Mobile Flash Report di Criteo (PDF)

Tablet e smartphone Android rappresentano il 66% delle vendite e-commerce a livello globale. Le pubblicità di retail, viaggi, auto e gli annunci economici rappresentano più del 70% dei click su mobile. Lo dice il Mobile Flash Report di Criteo, multinazionale specializzata in digital performance advertising, che esamina la pubblicità sui dispositivi mobili e il suo impatto sull’e-commerce nel primo trimestre 2014.

Dal report emerge anche che i dispositivi Android generano più vendite a livello globale, ma iOs è leader in Usa e Europa, e che il mobile è sostitutivo e complementare all’utilizzo del desktop e genera vendite incrementali. Ad esempio, gli acquisti da iPad incrementano del 16% di domenica, mentre le vendite da desktop calano del 10%.

Prenotazione alberghiere, noleggio auto e abbigliamento sono i settori in cui si riscontrano i più alti valori medi di acquisto da dispositivi mobile (rispettivamente 364.80, 209.10 e 105.30 dollari).

“Ogni trimestre analizziamo dati mobile relativi a un miliardo di utenti Internet per consentire agli inserzionisti dati affidabili su cui poter pianificare le campagne pubblicitarie”, dice Jason Morse, vice president Mobile Product di Criteo. “In questo momento col Mobile stiamo assistendo alla nascita di opportunità molto interessanti per gli inserzionisti. Il fatto che i dispositivi mobile siano oggi portatori di una rapida crescita delle vendite e-commerce, con diversi milioni di dollari, rende più difficile per gli inserzionisti ignorare le opportunità delle campagne pubblicitarie mobile”.

Scarica il Mobile Flash Report di Criteo (.pdf)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Il 40% del valore della pubblicità mondiale è digitale. Zenith: quest’anno +13,7%

In ripresa il mercato delle Tlc in Europa. Mediobanca: Tim prima per redditività industriale e investimenti

Le linee broadband di rete fissa raggiungono i 16,4 milioni di unità. Mentre si vendono poco più di 3 milioni di quotidiani in Italia (-11%). E trascorriamo più di un’intera giornata al mese su Facebook