Editoria

25 giugno 2014 | 10:16

Lotti si impegna a rilanciare i giornali: oggi firma al decreto sul fondo straordinario per l’editoria

(ITALPRESS)  “Dobbiamo dare un’occasione ai giovani, rompere il soffitto di cristallo che ha impedito loro di entrare nel mondo del lavoro”. Lo dice, in un’intervista a Repubblica, il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega all’Editoria Luca Lotti. “Aiutiamo le aziende con i pre-prensionamenti – aggiunge – in un momento di crisi profonda del settore ma le sfidiamo a fare di piu’ sul fronte dell’occupazione”. Lotti oggi firmera’ il decreto della Presidenza del Consiglio sul Fondo straordinario per l’editoria che prevede, per la prima volta, il vincolo delle assunzioni per le imprese editoriali che accedono ai soldi pubblici: ogni 3 pre-pensionati ci dovra’ essere un neoassunto. “E’ una sfida che lanciamo agli editori – spiega – Finora il fondo forse era troppo sbilanciato a loro favore”. E prosegue: “Siamo andati oltre: abbiamo aggiunto gli sgravi fiscali. Al 100 per cento, per tre anni, in caso di contratto a tempo indeterminato. Al 50 per cento nei contratti a tempo determinato. E sgravi del 100 per cento retroattivi per il passaggio dal contratto precario a quello fisso. Sono 11 milioni di euro solo per il 2014. Ci sono poi 7,5 milioni per investimenti in nuove tecnologie e incentivi per le start up. Una misura quest’ultima allargata anche all’editoria libraria”

Per leggere l’intervista integrale: www.repubblica.it

Luca Lotti (foto Repubblica.it)

Luca Lotti (foto Repubblica.it)