Google punta sulle startup europee e con Ventures istituisce un fondo da 100 milioni di dollari a sostegno delle nuove idee

(TMNews) Google scommette sulle startup europee e lancia un fondo da 100 milioni di dollari per trovare e sostenere nuove idee. Google Ventures finora si era concentrata su investimenti nella Silicon Valley, dove lavora con 250 aziende, tra cui Uber e Nest.
Il colosso di Mountain View ritiene che le potenzialità siano molte e che l’Europa sarà patria di alcune delle maggiori società tecnologiche del futuro. Come si legge in un post sul blog ufficiale della società, Google è convinta che città come Londra, Berlino e Stoccolma possano diventare veri e propri poli tecnologici.
Il nuovo fondo è più piccolo di altre strutture simili dedicate alle startup europee: a giugno Index Ventures aveva lanciato un fondo da 400 milioni di euro, mentre nel 2013 Accel Partners ne aveva aperto uno da 475 milioni di dollari.
“Ci guardiamo attorno e notiamo che l’ecosistema tecnologico sta diventando più grande e forte. Questo è vero soprattutto in Europa”, ha detto David Drummond, responsabile dello sviluppo tecnologico di Google, sottolineando che “è ovvio che grandi società emergeranno in questo ecosistema”.
La nuova divisione europea avrà quattro partner principali, tra cui Eze Vidra, manager di lungo corso di Google che ha fondato il “Campus” di Google a Londra. A bordo ci saranno anche l’imprenditore Tom Hulme, Peter Read, angel investor e consulente di società tecnologiche, e Avid Larizadeh, cofondatore di Bottica.com. Gli investimenti non riguarderanno solo il Regno Unito ma tutta l’Europa. (TmNews, 10 luglio 2014)

Larry Page, ceo Google

Larry Page, ceo Google

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Malagò contro il Governo: questa non è una riforma, ma un’occupazione del Coni. Replica da Giorgetti: autonomia dello sport non in discussione

Radio digitale, Salini: di serie sulle auto nuove. Sergio: aumenta la fame di contenuti, Rai tira la volata all’intrattenimento in auto

Vivendi acquista la casa editrice Editis per 900 milioni. De Puyfontaine: in Tim situazione grave