La Fnsi non ci sta alla chiusura dell’Unità perchè porterebbe all’impoverimento del pluralismo

(AGI)  Il Consiglio nazionale della stampa italiana manifesta “preoccupazione” per la situazione del quotidiano l’Unita’ “per le decisioni del Cda e del partito di riferimento, il Pd, che ne ha garantito sin qui la sua esistenza storica”. Viene espressa quindi “piena solidarieta’” ai colleghi de ‘L’Unita” da due mesi senza stipendio e posti, “oggi di fronte alla drammatica prospettiva della chiusura del giornale”. Per la Fnsi il fermo delle pubblicazioni del giornale “sarebbe un impoverimento dell’informazione e del suo pluralismo; soprattutto del pluralismo del giornalismo delle idee, che e’ e rimane un elemento importante e qualificante della vita democratica italiana”. La Fnsi, il suo Consiglio nazionale, tutti i suoi organismi dirigenti “sosterranno ogni iniziativa perche’ imprenditori onesti e coerenti con la storia del giornale e le forze e i gruppi politici interessati si assumano responsabilita’ piene, presentando un progetto editoriale serio e credibile che garantisca il lavoro professionale e la continuita’ delle pubblicazioni della testata”. (AGI 11 luglio 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Confindustria Radio Tv: tagli a informazione non portano benifici; costruire nuovo modello business e riconosciuto copyright 

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione