Alibaba salva Yahoo!, Apple si allea con Ibm

(ANSA) Alibaba salva ancora una volta Yahoo!. Sunnyvale spunta un nuovo accordo con il gigante cinese con il quale potrà mantenere una maggiore quota di controllo nella società che si appresta a sbarcare a Wall Street in quella che e’ considerata la maggiore initial public offering tecnologica dell’anno. L’annuncio di un’intesa arriva con Yahoo! che presenta deludenti risultati trimestrali, con ricavi in calo e l’utile per azione sotto le attese degli analisti. Novità anche in casa Google e Apple. Cupertino si allea con Ibm mentre Mountain View nomina l’ex amministratore delegato di Ford Alan Mulally, nel consiglio di amministrazione. ”La nostra priorità e’ la crescita dei ricavi e non siamo soddisfatti dei risultati” afferma Marissa Mayer, l’amministratore delegato di Yahoo!. Mayer si dice comunque fiduciosa sulla strategia e sul ritorno a una crescita di lungo termine della società. Approdata a Yahoo! due anni fa Mayer non e’ riuscita a imprimere la svolta attesa e la raccolta pubblicitaria e’ ancora debole. Ma anche questa volta e’ Alibaba a mettere al riparo Yahoo!, sulla quale molti investitori puntano proprio per la sua partecipazione nel gigante cinese. Yahoo! vendera’ con l’ipo di Alibaba 180 milioni di azioni, meno dei 208 milioni di azioni che avrebbe dovuto cedere. E si impegna a distribuire il 50% dei profitti dopo le imposte agli azionisti. Nemiche nelle fasi iniziali della ‘guerra’ dei personal computer, Apple e Ibm si alleano nell’era mobile e raggiungono un accordo per creare app business e per la vendita di iPhone e iPad ai clienti business di Ibm. (ANSA, 15 luglio 2014)

Marissa Mayer (foto Olycom)

Marissa Mayer (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Digitale: italiani fanalino di coda in Ue; ultimi per lettura di news online

Fazio cala causa pazza Inter. Parodi sorpassa D’Urso, poi super con la Lecciso. Ok Annunziata e Giro

Facebook: diretta streaming per l’audizione di Zuckerberg al Parlamento Ue