Comunicazione

17 luglio 2014 | 11:31

“Merkel fotogenica e autentica”: parola di Daniel Biskup, il fotografo delle star

(ANSA) Come tutti i politici non ama i paparazzi, e neppure le va troppo a genio essere fotografata. Ma in anni di tappeti rossi sulla scena globale Angela Merkel ha imparato a farsi immortalare: ”E’ fotogenica e autentica. Non direi spontanea, perché sempre molto controllata, ma negli scatti Frau Merkel è semplicemente quello che è”. A parlare all’ANSA è Daniel Biskup, un fotografo free lance, ambitissimo da testate tedesche di primissimo piano, per le foto delle star della politica internazionale. Sue sono le 60 immagini della cancelliera che si possono vedere da stasera a Berlino al Museo The Kennedys. Occasione: i 60 anni dell’ex ‘ragazza di Kohl’. Ogni ritratto costa 2000 euro, rivela. ”Non credo che ami la macchina fotografica: ha imparato ad averci a che fare però come uno strumento del suo lavoro. Sa che è molto importante farsi immortalare. Ma lo fa sempre da cancelliera, non da modella”, spiega il fotografo. I 60 ritratti dedicati per il compleanno mostrano la carriera politica della donna più potente del mondo, dall’elezione come presidente della Cdu, alla bilaterale con Barack Obama nel 2011. Lo spartiacque è la pettinatura: quella un po’ naif che portava da ragazza, compare nelle prime belle foto che la mostrano esultante per il nuovo incarico di partito, o al fianco del padre politico Helmut Kohl: scatti in bianco e nero, oggi molto suggestivi. Poi arriva quella che conosciamo: la Frau Merkel eletta dopo Schroeder alla guida della locomotiva d’Europa. ”Rispetto ad altri leader politici non sceglie mai le foto”, racconta il fotografo che ha ritratto anche Putin, Obama e Bush. Rivelando di aver fotografato, a Roma, anche Silvio Berlusconi – ”come si chiama quella villa che ha a Roma?” – chiarisce la differenza: ”L’ex premier italiano era molto attento alle prospettive, e si sforzava molto perché la foto fosse ben fatta. Le mie gli sono sempre andate bene. Ma era il tipo che dopo ti diceva ‘questa sì, questa no…”’ Opposto l’atteggiamento della Frau di Ferro, che sugli scatti non mette bocca: ”Non sceglie… ” Certo Merkel non ama i paparazzi, ”come tutti i politici del suo calibro, ma questo non è il mio mestiere”. Biskup accompagna i grandi della politica internazionale ai vertici o agli incontri importanti, su incarico delle grandi testate del suo paese. ”Sono stato con lei da Papa Ratzinger, e lì è stato bello vedere come fosse luminosa. La cancelliera ha una capacità di trasmettere un certo carisma in foto”. Il suo occhio esperto non ritiene insomma che la donna sempre asciutta e misurata, in pubblico, sia un soggetto noioso: ”Certo non sei di fronte a un vulcano, quando fotografi Angela Merkel, non la definirei un Vesuvio. Ma è un fiume tranquillo che sa dove è il suo sbocco”. Questo professionista, appena rientrato dall’Ucraina – ”ho lavorato molto con Poroshenko” – spiega poi che sta al fotografo mettere a suo agio chi viene immortalato: ”Tutti possono venire bene in foto, bisogna procurare una situazione in cui non vi siano motivi di nervosismo”. Se gli si chiede di commentare il look, piuttosto criticato, di una donna che si rifugia sempre nei tailleur da lavoro, citando ad esempio i commenti acidi di Lagerfeld, risponde: ”Come Lagerfeld ha sempre i suoi guanti, lei indossa sempre giacca e pantaloni. Sono segni distintivi. C’è in entrambi una certa fedeltà allo stile”, fa notare a proposito dello stilista, che pure ha immortalato più volte. Non cambiare continuamente è la scelta di molti: ”questo rende riconoscibili di fronte all’opinione pubblica. Quando la vediamo sappiamo subito che è lei, Frau Merkel”. (ANSA, 16 luglio 2014)

Angela Merkel (foto Olycom)

Angela Merkel (foto Olycom)