Il ‘dibattito’ tv su La7 tra Ferrara e Travaglio si conclude così: “Ma vattene affanculo”. E Mentana fa chiudere i microfoni (VIDEO)

“Ma vattene affanculo“: si chiude così, con una parolaccia urlata nel microfono da Giuliano Ferrara, il “dibattito” (se così lo vogliamo chiamare) tra il direttore del Foglio e Marco Travaglio. I due giornalisti erano ospiti alla trasmissione Bersaglio Mobile condotta da Enrico Mentana.

Tema della puntata: l‘assoluzione di Berlusconi in secondo grado per il processo Ruby. Ovviamente Travaglio si schiera contro la sentenza, ovviamente Ferrara si schiera contro Travaglio (e Corrado Formigli, anche lui presente in studio).
Il vero scontro comincia quando Travaglio dà del somaro e dell’ignorante a Ferrara, e Ferrara comincia a urlare e strepitare, dicendo che Travaglio è “sputtanato”, visto che in passato è stato stipendiato da Berlusconi.
Travaglio, da parte sua, continua a stuzzicare il rivale, col suo solito fare composto ma altezzoso. Ferrara non ne può più e lo manda…a quel paese.
A questo punto interviene Mentana che chiede di silenziare il microfono di Ferrara, “così almeno non sentiamo le sue parolacce”. (Blitzquotidiano)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Video correlati

Futuro del giornalismo? Ecco il primo conduttore tv artificiale. L’agenzia di stampa cinese Xinhua sperimenta l’anchor man virtuale

La fidanzata di Khashoggi intervistata da Abc. Chi lo voleva morto?

I terribili allenamenti di Dolph Lundgren per gli escavatori Volvo diventano virali su Youtube