Comunicazione

28 luglio 2014 | 15:27

Expo 2015: Maroni sceglie Sgarbi come ambasciatore per i beni artistici

(ASCA)  ”Ho invitato il professor Vittorio Sgarbi per presentare alcuni progetti che mi ha sottoposto nelle scorse settimane per valorizzare la Lombardia in vista di Expo 2015 e l’ho nominato nostro ambasciatore per Expo 2015 per le belle arti. Il professor Sgarbi ha accolto questo invito e ne sono lieto, perche’ le sue proposte sono molto interessanti e le ritengo utili per valorizzare tanti aspetti culturali, anche nascosti, della nostra Lombardia e penso ci siano le premesse per fare un ottimo lavoro”. Lo ha spiegato il presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, intervenendo, a Palazzo Lombardia, alla conferenza stampa per la presentazione, insieme a Vittorio Sgarbi, di alcuni progetti legati a Expo 2015 per la valorizzazione del territorio lombardo nel campo delle belle arti.
”Milano e’ la piu’ grande citta’ d’arte del Nord Italia ed e’ la quarta citta’ italiana dopo Firenze, Roma e Venezia per patrimonio artistico e questa e’ una percezione che in Italia non c’e’ – ha detto Sgarbi -. Pensate solo che Milano ha un patrimonio artistico piu’ importante di una citta’ come New York. E la Lombardia ha un patrimonio artistico immenso”. ”Il tempo stringe – ha sottolineato -, ma non dobbiamo inventarci nulla, dobbiamo solo valorizzare quello che gia’ esiste a Milano e in Lombardia, quello che gia’ c’e”’. Sgarbi si e’ poi soffermato, per quanto concerne Milano, sull’ampliamento della fruibilita’, anche in termini di orari di visite, di alcuni luoghi simbolo come il Castello Sforzesco e il Cenacolo leonardiano, o palazzi storici nel cuore cittadino, che custodiscono opere di immenso valore, ma poco conosciute al grande pubblico, come Palazzo Bagatti Valsecchi, Palazzo Clerici o Palazzo Litta. Non solo valorizzare il grande patrimonio artistico gia’ presente a Milano e in Lombardia: il professor Sgarbi ha proposto anche di portare a Milano, durante il semestre di Expo, alcune opere pittoriche dei piu’ celebri maestri rinascimentali o post rinascimentali, ospitati alla Galleria degli Uffizi di Firenze, e persino i Bronzi di Riace, in modo che questi tesori dell’arte possano essere ammirati dai milioni di visitatori che si troveranno a Milano in quel periodo. ”I progetti proposti dal professor Sgarbi sono molto interessanti e utili per valorizzare Milano e la Lombardia durante Expo – ha commentato Maroni -, sono proposte che condivido e, per questo, gli ho dato l’incarico di realizzarle, insieme alla Regione Lombardia. Mercoledi’ prossimo incontrero’ il ministro per i Beni culturali Franceschini, per proseguire il confronto su alcune delle questioni poste dal professor Sgarbi e per coinvolgere altre Regioni, come la Toscana per gli Uffizi o la Calabria per i Bronzi di Riace. E ribadisco l’impegno della Regione Lombardia nella realizzazione dei progetti che Sgarbi ha annunciato per valorizzare Milano e il territorio lombardo in vista di Expo 2015”. ”Venerdi’ scorso abbiamo approvato una delibera in Giunta regionale – ha concluso il presidente Maroni -, con la quale abbiamo nominato il professor Sgarbi membro del Consiglio di amministrazione del museo di Palazzo Bagatti Valsecchi, con l’indicazione al Consiglio stesso, indicazione non vincolante, di eleggerlo presidente”. (ASCA, 28 luglio 2014)

Vittorio Sgarbi (foto Olycom)

Vittorio Sgarbi (foto Olycom)

Annunci di lavoro

Milano – Copy Editor per ampliamento organico redazionale »

Milano – Stage ufficio stampa per comunicazione fiera “Fa’ la cosa giusta!” »

Borgo a Mozzano – Direttore commerciale per promozione quotidiano online »

Dati e cifre

Frena la crescita della spesa in adv nel 2017 (+3,6%). E il digitale supererà la televisione. Mentre la pubblicità su desktop comincerà a calare (INFOGRAFICHE) »

Gli editori specializzati devono seguire l’esempio dei grandi player internazionali legandosi a start up e acceleratori digitali, dice Greco di Anes: il mercato adv non è più solo nostro, serve coraggio nelle soluzioni »

Investimenti pubblicitari online in calo del 6,6% a ottobre. Tiene il mobile, che cresce quasi del 60%; in negativo tablet, a -5,6%, web, a -10,4%, e smart tv, a -36%. I dati Fcp-Assointernet (TABELLA) »

Documenti

Il 96% delle campagne di web adv in Italia hanno anche una componente mobile, contro la media europea che si ferma all’87%. L’analisi Nielsen »

Gli editori specializzati devono seguire l’esempio dei grandi player internazionali legandosi a start up e acceleratori digitali, dice Greco di Anes: il mercato adv non è più solo nostro, serve coraggio nelle soluzioni »

Nel 2017 il programmatic advertising crescerà del 31%, più di tutti gli altri canali digital. Lo rivela uno studio Zenith: già quest’anno è il principale metodo di vendita del digital display col 51% della spesa – INFOGRAFICHE »

Manager

Maria Catanzariti, executive director theatrical sales di Warner Bros. Entertainment Italia »

Anna Carbonelli, amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Casa »

Cristina Parenti è il nuovo direttore relazioni esterne e comunicazione di Edison. Riporta all’ad e ceo Marc Benayoun »

Agenda

Tredicesima edizione del Festival èStoria – Italia mia. Cosa significa essere italiani? »

Tempo di Libri – Nuova Fiera dell’editoria italiana »

Più libri più liberi – Fiera Nazionale della Piccola e Media Editoria »