29 luglio 2014 | 16:40

Editori europei a confronto con il ministro Franceschini. Al centro diritto d’autore, equiparazione Iva ebook e concorrenza su internet

Si è appena concluso l’incontro tra il vice presidente della Federazione degli Editori Europei (Fep) Henrique Mota, il presidente dell’Associazione Italiana Editori (Aie) Marco Polillo, il delegato italiano in seno alla Federazione Stefano Mauri e il ministro dei Beni, Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini in occasione dell’inizio del semestre italiano della presidenza Ue.

Al centro tre temi fondamentali per il mondo del libro europeo: la tutela del diritto d’autore, l’equiparazione dell’Iva degli ebook a quella dei libri cartacei e la concorrenza nel mercato-internet tra gli operatori di ebook.

“Abbiamo apprezzato l’attenzione e la competenza del Ministro”, ha commentato il vice presidente Fep Mota. “La non facile situazione che l’editoria libraria sta vivendo in Europa richiede più che mai di non abbassare la guardia. Siamo ottimisti, anche dopo questo incontro, sulla gestione di questi fondamentali dossier in ambito Ue”.

Marco Polillo

Marco Polillo

“Il confronto è stato molto proficuo”, ha sottolineato il presidente degli editori italiani Polillo. “Ci conforta che l’Italia arrivi al semestre di presidenza con le idee chiare a sostegno della maggiore industria culturale europea”.

Secondo i dati Fep, il mercato dell’editoria europea si attesta sui 22,5miliardi di euro e impiega 130mila persone. La produzione è di circa 535mila titoli.