L’editrice dell’emittente T9 rompe le trattative con i sindacati. Al via lo stato di agitazione

(Adnkronos) Sidis Vision, editrice dell’emittente T9, rompe le trattative con i sindacati. Le segreterie regionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Snater e Associazione Stampa Romana hanno dovuto prendere atto “della chiusura da parte dell’azienda a tutte le proposte fatte per evitare la procedura di licenziamento collettivo dei 19 dipendenti dell’emittente locale”. I sindacati, si legge nella nota, “hanno quindi deciso unitariamente di avviare lo stato di agitazione del personale di T9, augurandosi che le 48 ore che mancano alla chiusura della prima fase di confronto (in base alla legge 223/91) portino consiglio all’imprenditore Caltagirone e lo inducano a considerare più attentamente le proposte dei sindacati, salvaguardando così sia i posti di lavoro che il patrimonio informativo dell’emittente”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi