31 luglio 2014 | 12:18

Il no dei giornalisti di Repubblica al nuovo contratto di lavoro: “All’orizzonte giornalisti schiavi”

(Francoabruzzo.it) No al nuovo contratto di lavoro. Lo ha espresso l’assemblea dei giornalisti di Repubblica, riunitasi il 29 luglio alla presenza del segretario nazionale della Fnsi, Franco Siddi, che ha così avuto modo di rispondere alle domande dei colleghi e di partecipare al dibattito che ne è seguito. All’esito della discussione, l’Assemblea ha approvato a maggioranza (44 sì, 15 no, 26 astenuti) una mozione di cui vi riportiamo il testo.

L’Assemblea di redazione di Repubblica, riunitasi martedì 29 luglio 2014, dopo avere ascoltato la relazione del Segretario nazionale della Fnsi e alla luce del dibattito sugli accordi Fnsi-Fieg firmati nello scorso mese di giugno, giudica negativamente i risultati della trattativa, che segnano un passo indietro per tutta la categoria dei giornalisti. In particolare, anche volendo sospendere il giudizio sulla cancellazione di una parte del salario differito (la cosiddetta ex Fissa), ritiene ingiustificati l’introduzione del «salario d’ingresso» anche per i contratti a tempo determinato, l’apprendistato professionalizzante senza garanzie e senza impegni formativi, l’assenza di compensi dignitosi e all’altezza delle nuove competenze richieste a collaboratori e freelance. Sono tutti elementi che contribuiscono ad abbassare la qualità del lavoro giornalistico e a precarizzarlo in modo definitivo; e che riducono i margini di autonomia della categoria, gettando le premesse per un asservimento della stampa, con giornalisti sempre più «gregari». In certo senso più «schiavi». Anche il referendum sul contratto convocato per il 26 e il 27 settembre rischia di trasformarsi in un ultimo schiaffo, in assenza di regole certe sull’applicabilità immediata di un eventuale «no» al nuovo contratto.

(Da Francoabruzzo.it, 30 luglio 2014)

Franco Siddi, segretario generale della Fnsi (foto Olycom)

Franco Siddi, segretario generale della Fnsi (foto Olycom)