La Banca centrale cinese entra in Telecom

(AGI) La People’s bank of China detiene il 2,081% di Telecom Italia dal 29 luglio. Lo si legge tra le comunicazioni della Consob. L’ingresso in Telecom si affianca a quelli in Eni, Enel, Fiat e Prysmian. Nel dettaglio, alla Banca centrale della Cina fa capo da qualche mese – secondo le tabelle Consob – il 2,102% di Eni e il 2,071% di Enel. La commissione conferma tra le comunicazioni di oggi anche l’ingresso dell’istituto di Pechino in Fiat, emerso nel corso dell’assemblea del primo agosto, con una quota pari al 2,001% che porta la data del 29 luglio. La partecipazione in Prysmian, che risale al 28 luglio, e’ pari invece al 2,018% del capitale. (AGI, 4 agosto 2014)

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci