Coca Cola ritira pubblicità da canali tv filo-Cremlino

(TMNews) La Coca cola ha ritirato le sue pubblicità da quattro network televisivi russi legati al Cremlino e a una banca colpita dalle sanzioni che i paesi occidentali hanno imposto su Mosca per il suo ruolo nella crisi ucraina. L’ha riferito oggi il giornale economico russo Vedomosti.
Tre dei canali tv in questione – Ren-tv, Piaty Kanali e Domachny – fatto parte di una holding controllata dalla banca Rossiya, che è stata colpita dalla prima ondata di sanzioni occidentali decisa per l’annessione alla Russia della Crimea.
La quarta rete televisiva, Zvezda, diffonde programmi patriottici e appartiene direttamente al ministero della Difesa di Mosca.
Le sanzioni occidentali hanno preso di mira sia la banca Rossiya, sia il suo principale azionista Yuri Kovalchuk, vietando alle compagnie americane di fare affarie con la banca, considerata la cassaforte personale di alti responsabili del Cremlino.
Coca cola, dal canto suo, ha escluso che la scelta di ritirare la pubblicità dalle quattro reti sia legata alla politica e ha addotto motivazioni economiche. “Noi abbiamo deciso di concentrarci sui canali federali chiave e sui canali più guardati dal nostro pubblico di riferimento”, ha detto Anna Kozlovskaia, portavoce in Russia della compagnia americana.
Coca cola è uno dei principali inserzionisti del mercato russo, con un budget annuale di oltre 2,5 miliardi di rubli (51,7 milioni di euro). (TMNews, 6 agosto 2014)

Vladimir Putin (foto Olycom)

Vladimir Putin (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Scende il valore del sistema media rispetto al 2013. Big lontani dal limite

Cairo Communication: nei nove mesi ricavi in calo a 185,7 milioni di euro. Previsto Mol in sostanziale pareggio per La7 a fine anno

Banzai: nei 9 mesi del 2015 i ricavi salgano a 152 milioni; la perdita cresce a 6,5 milioni di euro