crac Epolis: chiesto rinvio a giudizio per 19 indagati

(AGI) La procura di Cagliari ha chiesto il rinvio a giudizio per 19 degli indagati per il crac di Epolis, la societa’ editrice dei freepress targati Sardegna, e della controllata Publiepolis che si occupava della raccolta pubblicitaria. Chiusa l’inchiesta, il pm Giangiacomo Pilia ha dunque chiesto il processo per quelli che, secondo l’accusa, sono i responsabili della clamorosa bancarotta che ha inghiottito, in un buco da 130 milioni di euro, i 18 giornali gratuiti e il posto di lavoro di oltre 200 tra giornalisti, grafici e addetti alle inserzioni. Tra gli indagati per cui e’ stato chiesto il processo, il fondatore Nicola Grauso, imprenditore sardo ed ex editore del quotidiano locale L’Unione Sarda; Alberto Rigotti originario di Trento presidente e consigliere del cda di Publiepolis e presidente di Epolis (oggi ai domiciliari dopo l’arresto dello scorso 6 giugno), Vincenzo Maria Greco imprenditore di Napoli, dominus di Epolis e vicepresidente del cda di Publiepolis (il cui arresto e’ stato annullato dal Tribunale del Riesame che ha confermato i gravi indizi ma ritenuto insufficienti le esigenze cautelari) e Sara Cipollini di Legnano (Milano), amministratore delegato di Epolis e consigliere del Cda di Publiepolis. (AGI, 7 agosto 2014)

Nicola Grauso (foto Olycom)

Nicola Grauso (foto Olycom)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Copyright, Carotti (Fieg): cooperare con le grandi piattaforme. Per l’industria di qualità servono risorse

Tennis, Next Gen Atp torna a Milano. Binaghi (Fit): le Atp Finals a Torino un sogno realizzabile

Facebook sceglie l’ex vice premier inglese Clegg per guidare affari globali e comunicazione