Comunicazione

21 agosto 2014 | 10:05

Afghanistan: espulso reporter del New York Times

(TMNews) L’Afghanistan ha dato l`ordine di espulsione per Matthew Rosenberg, un reporter del New York Times, che era in stato di fermo da martedì scorso perché sotto indagine da parte delle autorità del Paese. Ha 24 ore di tempo per lasciare lo Stato asiatico.
Rosenberg aveva scritto un articolo sulla presunta intenzione di alcuni generali afgani di salire al potere approfittando delle dispute in corso riguardo i risultati delle elezioni avvenute nel giugno scorso.
Il procuratore generale afgano ha ritenuto l`articolo fazioso e ha chiesto al giornalista di fare chiarezza sulle sue fonti, ma a quanto riporta il quotidiano di New York, Rosenberg si sarebbe rifiutato. Le autorità avrebbero quindi deciso per l`espulsione del giornalista, la prima decisione di questo tipo ad esser presa in tredici anni di governo Karzai.
Un portavoce del presidente Amid Karzai, Aimal Faizi, ha dichiarato che l`espulsione di Rosenberg è motivata dalla “chiara fabbricazione” del suo articolo, che rappresenta un pericolo per la sicurezza e la stabilità del Paese. Il ministero degli Esteri e le agenzie di sicurezza afgane sono state entrambe informate dell`espulsione secondo una dichiarazione del procuratore.
Il New York Times ha difeso il reporter: “Matt è un reporter fantastico che ha scritto un articolo ben documentato. Era assolutamente disponibile a parlare con il governo afgano ma ovviamente non ha voluto rivelare le sue fonti”, ha dichiarato Dean Baquet, direttore del quotidiano.(TMNews, 21 agosto 2014)

Matthew Rosenberg (foto straitstimes.com)

Matthew Rosenberg (foto straitstimes.com)