28 agosto 2014 | 8:43

Serie A, sponsor (e tifosi) in fuga. 7 squadre di calcio su 20 cominciano il campionato senza sponsor sulla maglia

(Calciomercato.comIl campionato delle maglie vuote. Sponsor in fuga: 7 squadre su 20 di Serie A non ce l’hanno: l’appeal del nostro torneo non è mai stato così basso. Impietoso il raffronto col resto dell’Europa che conta: Premier League, Bundesliga e Ligue 1 senza un buco libero sulle maglie delle loro squadre, Liga con spazi disponibili solo sulle casacche di Valencia e Levante. Anche sul prezzo d’etichetta: 15,750 milioni di euro all’anno della Tim per griffare la serie A contro 50 milioni di sterline a stagione della Barclays, a breve neanche più sufficienti per targare la Premier League.

ROMA – Come scrive La Stampa, la Roma made in Usa ha fissato l’asticella per l’incasso dal ‘main sponsor’ a 14-15 milioni e non intende abbassarla più di tanto, come dimostra il gentile rifiuto a una compagnia aerea internazionale pronta a offrirne 4-5 per vedere il proprio nome abbinato a Totti e compagni. Stesso discorso per la Lazio, ormai all’ottava stagione senza uno sponsor fisso. “Non sminuisco il valore del nostro marchio solo per metterci uno sponsor”, il ritornello di Lotito. Il Genoa rappresenta una realtà più unica che rara: per ora ha solo un co-sponsor (McVitie’s) e non quello principale, ma può comunque contare sul minimo garantito dal contratto di ‘marketing agent’ con l’advisor Infront.

Tavecchio presidente della Figc (foto Thefrontpage)

Tavecchio presidente della Figc (foto Thefrontpage)

STADI – Casi singoli a parte, il trend negativo riguarda l’intero sistema. La principale causa della progressiva fuga o latitanza degli sponsor dall’Italia, nonostante il recente via libera all’inserimento anche di un terzo marchio sul retro delle divise da gioco, è proprio l’immagine trasmessa all’estero dalla serie A. La crisi economica generale ha influito, ma molto di più (in peggio) hanno fatto le desolanti cartoline di stadi obsoleti e sempre meno gremiti, la convinzione miope di manager e dirigenti di poter andare avanti solo con la spartizione della torta dei diritti televisivi, la progressiva sparizione dei top player e, salvo eccezioni, l’assenza di strategie concrete di marketing, di propaganda sui nuovi social media e di controllo dei diritti d’immagine dei calciatori.

50 MILA ABBONAMENTI IN MENO – Come si legge sul Corriere della Sera, gli stadi di Serie A sono sempre più vuoti, con stime che prevedono 50 mila abbonati in meno per la prossima stagione (al netto delle squadre promosse e retrocesse) nonostante un marketing tambureggiante e slogan ad effetto. Nuovi impianti chimera e prezzi ritoccati quasi sempre al rialzo, le percentuali di riempimento degli spalti (oggi al 56,6%) sono destinate a restare distanti da Germania (96%), Inghilterra (95%), Francia (70%) e Spagna (68%).

CROLLO MILAN – Il Milan – impegnato in un imponente rinnovamento d’immagine firmato Barbara Berlusconi, tra nuova sede (Casa Milan), loghi di design e frasi ad impatto («Senza te non siamo noi» come recita la campagna) – sta cercando invano di fermare l’emorragia di tessere vendute: dalle 23.500 dell’anno scorso, già picco negativo, alle 16 mila emesse finora.

NAPOLI E LAZIO PEGGIO – Peggio dei rossoneri stanno solo Napoli e Lazio. Gli abbonamenti dei partenopei sono crollati da oltre 15 mila a sei mila circa, complici il sopravvenuto obbligo della tessera del tifoso e un mercato non esaltante. Quelli della Lazio, invece, sarebbero oggi addirittura quasi un quarto rispetto all’anno precedente (sette mila su 23 mila) con la curva in contestazione contro il presidente Lotito e i capi ultrà che stanno valutando l’opzione tessera del tifoso soltanto per partecipare alle trasferte. Sarebbe un paradosso, e hai voglia poi a ricucire tramite spot sdolcinati (“Quasi amore” appare sul cartellone mentre un bimbo bacia l’aquilotto).

JUVE STABILE, MISTERO INTER – In difficoltà anche Udinese (meno quattro mila abbonati), Fiorentina (meno 3.000), Parma (meno 2.500) e Verona (meno 2.000), che faticheranno a raggiungere i livelli di pubblico del 2013/2014. Restano stabili Juventus (28mila tessere), Cagliari, Sassuolo, Genoa e Sampdoria (a conferma della bontà del motto scelto dai blucerchiati “C’ero, ci sono, ci sarò”). Nessuna notizia, infine, dall’Inter che non dà i numeri (erano quasi 31 mila) ma chiede in tutte le lingue del mondo ai suoi tifosi di stare insieme, juntos, together.

DEA E TORO – A esultare sono dunque solo le neopromosse Empoli (che raddoppia a cinque mila), Palermo (più di otto mila) e Cesena (verso i 12 mila) e soprattutto Atalanta e Torino, che hanno messo nel mirino i diecimila abbonati. Ma se i granata ringraziano il ritorno in Europa e gli spot da commedia all’italiana (dove il Toro diventa antidoto all’adulterio, “se tua moglie è fissata con le corna”, e “un babysitter con le palle”, per i figli), i bergamaschi puntano sui prezzi: -20% secco sugli abbonamenti (più un piumino mimetico), caso isolato in Italia.

ROMA – Poi c’è la Roma. Superata quota 26 mila tessere (tre mila in più), si guarda ai traguardi futuri (lo scudetto?) cercando di dimenticare scivoloni mediatici a quattro mani con lo sponsor tecnico. Come i denti aguzzi della lupa aperti sull’Olimpico e la scritta “La caccia ricomincia, unisciti al branco”, piuttosto stonato dopo la morte del napoletano Ciro Esposito.

CARO PREZZI – Con gli stadi svuotati, la logica farebbe presupporre prezzi più bassi. Invece, i ritocchi sono spesso al rialzo. Bastino le percentuali medie di Juventus (+6,9%), Fiorentina (+6%), Milan (+5,5%) e Roma (+4,5%), mentre il Napoli e altri mantengono invariati i prezzi. Semmai si offrono riduzioni per giovani e famiglie o promozioni innovative. Come l’abbonamento pluriennale del Genoa o la possibilità di rivendere le partite dell’abbonamento alla Juve. O ancora l’iniziativa del Parma “Porta un crociato” che ha fatto partire sui forum la caccia all’amico per ottenere gli sconti. Hashtag, ironie, richiami identitari di fierezza, appartenenza, onore e pure animal spirit (dalla “natura indomabile” della zebra al “dodicesimo leone” in campo), i club le provano tutte. Quasi fosse meglio investire in un team di pubblicitari che in uno stadio…

(Calciomercato.com)