Social network e app: ecco gli strumenti della propaganda jihadista 2.0

(TMNews)  Le parole chiave della nuova strategia jihadista 2.0 sono viralità e coinvolgimento: snodi centrali di una propaganda orientata sui social media. La decapitazione dei due reporter di guerra James Foley e Steven Sotloff non ha soltanto riempito le prime pagine dei principali quotidiani online ma ha anche generato un`escalation virale su piattaforme come Twitter e Youtube. Su quest`ultimo social sono stati pubblicati circa 175.000 video riguardanti la decapitazione di James Foley: tra questi soltanto i tre più popolari hanno generato circa 7 milioni di visualizzazioni. E’ quanto emergteb da una amalisi realizzata da IlSocialPolitico.it,”social magazine” che indaga sull`attività 2.0 di politica, istituzioni, influencer e fenomeni sociali.

I militanti dell`Isis sembrano preferire Twitter come piattaforma di comunicazione. Grazie al coinvolgimento di esperti informatici è stata lanciato l`app, “The Dawn”, in grado di coinvolgere e tenere aggiornati un elevato numero di utenti.

Gli utenti dopo aver scaricato sul proprio telefonino l`applicazione mettono i loro account Twitter a disposizione dei terroristi che possono così coordinare e ampliare l`efficacia dei messaggi. Grazie a questa app si è registrato il picco di 40.000 tweet inviati nel giorno in cui le milizie dell`Isis sono entrate a Mosul.

Nonostante Twitter abbia chiuso molti account in odore di jihiad, le nuove leve del terrorismo digitale sfruttano l`impatto degli hashtag per veicolare messaggi di terrore. L`Isis, organizzando dei tweetstorm mirati, è ormai in grado di coordinare delle vere e proprie campagne social. Tramite l`aggregatore @ActiveHashtags gli argomenti rilanciati dall`Isis toccano una media di 72 retweet per messaggio riuscendo in questo modo ad entrare nelle classifiche dei topic trend. L`hashtag #ISIS ha superato, per numero di menzioni, quello del principale concorrente del gruppo in Siria, Jabhat al-Nusra, anche se i due gruppi hanno simile numero di sostenitori online.

Nei mesi precedenti l`escalation del conflitto il topic #ISIS ha spesso registrato più di 10.000 menzioni al giorno, mentre il numero di al-Nusra variava tra le 2.500 e le 5.000 citazioni. Ad agosto, durante i raid aerei americani, l`Isis ha lanciato una violenta campagna contro gli Usa sui social media. Utilizzando gli hashtag #CalamityWillBefallUS e #AMessageFromISIStoUS si chiede ai seguaci della jihad di twittare in inglese per rendere i messaggi di terrore comprensibili agli occidentali. (TmNews, 8 settembre 2014)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Vodafone Italia e Tim in partnership per la rete mobile. Memorandum d’intesa, trattativa in esclusiva

Rai: nessuna lista di dirigenti in uscita anticipata

Apple si allea con Goldman Sachs per lanciare una carta di credito